Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Catania

Comunicati Stampa

 

 RICORRENZA DEL ' GIORNO DELLA MEMORIA"

     Nella mattinata odierna, in occasione dell'annuale ricorrenza della commemorazione del Giorno della Memoria, si è svolta, presso il Palazzo di Governo, la cerimonia di consegna delle "Medaglie d'Onore".

     Nel corso della manifestazione, il Prefetto Claudio Sammartino, alla presenza delle autorità civili e militari della provincia, ha consegnato le Medaglie concesse agli ex deportati nei campi di prigionia nazisti durante il secondo conflitto mondiale: i catanesi Giuseppe Signorelli ed Emilio Tringale, ambedue militari ed internati negli anni 1943 - 1945 (Signorelli nei campi di Gorliz, Halle e Reckwitz e Tringale in quelli di Lukenwalde e Tegel) ormai deceduti.

     Le "Medaglie d'Onore" sono onorificenze altamente significative e vengono concesse con decreto del Presidente della Repubblica ai sensi della Legge 27 dicembre 2006, n.296, ai cittadini italiani, militari e civili, deportati e internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra nell'ultimo conflitto mondiale.

     La consegna della Medaglia alla figlia dell'ex deportato Emilio Tringale, autore di un diario che racconta il triste periodo di prigionia, ha aggiunto un particolare significato alla celebrazione, grazie anche alla lettura di una toccante pagina del documento, che ha reso più partecipi gli ospiti intervenuti per il valore della testimonianza narrata.

     Nel suo intervento il Prefetto ha ricordato la tragedia dei campi di sterminio nonché la persecuzione dei cittadini ebrei che hanno subito la deportazione, la prigionia e la morte nonché coloro che, anche in ambiti e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio e, a rischio della propria vita, hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

     Ha partecipato all'evento una rappresentanza di studenti: alcuni liceali dell'Istituto Galileo Galilei, impegnati presso la Prefettura in un percorso di alternanza scuola-lavoro, a nome dei quali un'allieva ha esposto un breve scritto sull'Olocausto, nonchè la studentessa universitaria vincitrice il premio annuale bandito dall'Ente Regionale per il diritto allo studio universitario di Catania, nell'ambito del "Giorno della Memoria".

     Il Prefetto ha infine evidenziato che quest'anno è stato dato particolare rilievo alle "Donne nella Shoah" e alla condizione femminile all'interno dei campi di sterminio, come ha sottolineato il Presidente della Repubblica nel suo discorso pronunciato durante la cerimonia che si è svolta al Quirinale e di cui, il Prefetto, ha dato lettura dei passi più significativi.

Pubblicato il 28/01/2019
Ultima modifica il 28/01/2019 alle 19:44:54

 RICORRENZA DEL 27 GENNAIO 2019 ' GIORNO DELLA MEMORIA"

     Lunedì 28 gennaio 2019, alle 10.30, il Prefetto Claudio Sammartino consegnerà le medaglie d'onore, concesse ai sensi della Legge 27 dicembre 2006, n.296, ai cittadini italiani, militari e civili, deportati e internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra nell'ultimo conflitto mondiale.

     Tali riconoscimenti quest'anno sono stati concessi agli Insigniti catanesi Giuseppe Signorelli ed Emilio Tringale, ambedue militari ed internati in Germania negli anni 1943 - 1945 (Signorelli nei campi di Gorliz, Halle e Reckwitz e Tringale in quelli di Lukenwalde e Tegel) ormai deceduti.

     L'iniziativa celebrativa avrà luogo nel Salone di rappresentanza del Palazzo del Governo, nell'ambito della ricorrenza del "Giorno della Memoria", istituita con Legge 20 luglio 2000 n. 211, in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti, che si commemora annualmente il 27 gennaio.

      Nel corso della citata iniziativa, la studentessa universitaria vincitrice della sesta edizione del premio bandito dall'ERSU di Catania in collaborazione con la Prefettura, nell'ambito del "Giorno della Memoria", leggerà l'elaborato dal titolo " In una Europa stravolta da problemi sociali e colpita al cuore dal terrorismo, quale significato assume la memoria della Shoah?" .

     Sarà, altresì, presente una rappresentanza degli studenti del Liceo Scientifico Galileo Galilei, impegnati presso la Prefettura nelle attività di alternanza scuola-lavoro, a nome dei quali un'allieva del quarto anno leggerà un breve testo sulla Shoah.

     Quest'anno il Giorno della Memoria è stato dedicato alle "Donne nella shoah", come ha sottolineato il Presidente della Repubblica nel suo discorso pronunciato durante la cerimonia che si è svolta al Quirinale lo scorso 24 gennaio.
Pubblicato il 25/01/2019
Ultima modifica il 25/01/2019 alle 20:01:07

 PROBLEMATICHE DEGLI EDIFICI SCOLASTICI, INCONTRO CON LE SCUOLE

    Presso il Palazzo del Governo, ieri pomeriggio si è svolta una riunione convocata dal Prefetto e coordinata dal Capo di Gabinetto, alla quale hanno partecipato il Capo di Gabinetto del Sindaco della Città metropolitana, il Dirigente del Servizio "Patrimonio, Edilizia e Manutenzione" della Città metropolitana, i Rappresentanti degli studenti degli istituti E. Boggio Lera e N. Spedalieri nonchè i Dirigenti scolastici degli istituti N. Spedaleri, E. Boggio Lera, E. Greco, G. De Felice Giuffrida Olivetti, M. Cutelli e K. Wojtyla.

    La riunione è stata richiesta da una delegazione studentesca, precedentemente ricevuta in Prefettura, in rappresentanza di tutti gli istituti superiori scolastici del Comune di Catania affetti da criticità strutturali che comprometterebbero il regolare e completo svolgimento dell'attività didattica.

    L'incontro ha consentito di avviare un percorso volto ad esaminare e affrontare in maniera sistematica le problematiche degli edifici scolastici segnalate dagli studenti e dagli stessi Dirigenti scolastici.

    Al riguardo, i Rappresentanti della Città metropolitana hanno dato assicurazione in merito all'attuale assenza di carenze strutturali tali da rappresentare pericolo per l'incolumità e la sicurezza dei fruitori.

    Inoltre, il Dirigente del Servizio "Patrimonio, Edilizia e Manutenzione" ha illustrato agli studenti la pianificazione degli interventi manutentivi che saranno prossimamente effettuati al fine di rendere sempre più agevole la fruibilità delle aule e dei plessi scolastici durante lo svolgimento dell' attività didattica.

    All'esito della riunione la Città metropolitana si è impegnata a porre in essere ogni utile iniziativa per soddisfare le richieste provenienti dall'utenza scolastica mettendo all'uopo a disposizione un numero telefonico dedicato per consentire una più agevole segnalazione delle criticità più urgenti e significative.

    La riunione ha consentito di creare anche, attraverso un'esatta definizione delle competenze in materia, un rapporto diretto tra le Istituzioni scolastiche, gli studenti e la Città metropolitana proprietaria degli immobili che ospitano gli istituti scolastici.

Pubblicato il :

 PIANO DI EMERGENZA PER LA VIABILITÀ DI ACCESSO ALL'ETNA IN CASO DI NEVE

   Nella mattinata odierna si è svolta, presieduta dal Perfetto di Catania Claudio Sammartino, una riunione con il Sindaco della Città Metropolitana, i Sindaci dei Comuni della zona etnea, i responsabili delle Forze di polizia, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, del Dipartimento Regionale della Protezione Civile, dell'ANAS, del SUES 118 avente ad oggetto la predisposizione di un "Piano di emergenza per la viabilità di accesso all'Etna in caso di neve".

   Il "Piano di viabilità", che sarà definito da un apposito gruppo di lavoro, che si riunirà in Prefettura il prossimo 23 gennaio, è preordinato a coordinare migliori attività di servizio alla collettività locale ed a supporto delle competenze dei Sindaci interessati con riferimento alle principali strade di collegamento del territorio etneo metropolitano e si pone come obiettivo quello di definire, pianificare e coordinare tutte le iniziative da adottare durante la stagione invernale lungo le arterie stradali dell'Etna, sulle quali possono prevedersi maggiori criticità.

   Ciò al fine di contemperare le esigenze di sicurezza della circolazione sulle strade con quelle di assicurare la fruizione turistica del vulcano e garantire così un traffico ordinato ed interventi di soccorso immediati in caso di crisi connesse alle precipitazioni nevose che comportino disagio nella circolazione veicolare.

   Il Piano sarà articolato su diversi livelli. Per ogni fase saranno individuati i compiti ed i livelli di responsabilità, le iniziative di prevenzione, i tempi di impiego del personale e dei mezzi spazzaneve e spargisale per ogni Ente gestore, l'attivazione del volontariato ed il censimento dei presidi sanitari presenti sul territorio nonchè aree di ricovero per gli automezzi.
Pubblicato il 16/01/2019
Ultima modifica il 16/01/2019 alle 19:42:02

 120 MILITARI PER IL CONTROLLO DEL TERRITORIO DELLE ZONE COLPITE DAL TERREMOTO DI SANTO STEFANO.

    In arrivo 120 militari a supporto delle Forze dell'Ordine già presenti nei Comuni di Zafferana Etnea, Viagrande, Trecastagni, Santa Venerina, Acireale, Aci Sant'Antonio, Aci Bonaccorsi, Milo, Aci Catena colpiti dal sisma di Santo Stefano.
    Lo ha dichiarato stamane il Prefetto Claudio Sammartino nel corso di un incontro con la stampa insieme al Questore, al Comandante provinciale della Guardia di Finanza e al Comandante provinciale del Carabinieri, al Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, al responsabile del Corpo Forestale regionale e dell'Esercito.
    Ciò si aggiunge all'intensa attività di controllo e vigilanza attuata, su direttiva del Prefetto, dalle Forze dell'Ordine fin dalle prime ore del sisma del 26 dicembre 2018 per garantire la massima tutela delle abitazioni e dei beni dei cittadini colpiti dal sisma ed esposti al pericolo di danneggiamenti e furti.
    L'arrivo del contingente militare è stato disposto dall'art 12 dell'ordinanza n. 566 del Dipartimento della Protezione Civile datata 28 dicembre 2018.
    L'articolato dispositivo di controllo del territorio ha visto impiegate in media 60 pattuglie al giorno della Polizia di Stato, del Reparto Prevenzione Crimine, dei Carabinieri, dei "Cacciatori di Sicilia", della Guardia di Finanza, dei Baschi Verdi, del Corpo Forestale regionale e della Polizia provinciale.
    In tale contesto, è stato evidenziata anche la necessità della collaborazione della cittadinanza affinchè vengano segnalate tempestivamente tutte le circostanze idonee a far emergere eventuali illeciti.
    Nel solco di una strategia generale volta ad aumentare la percezione di sicurezza da parte dei cittadini, sono stati resi noti anche i risultati delle attività di controllo e vigilanza del territorio, soprattutto nelle zone del calatino e della Piana di Catania, in occasione della campagna agrumicola.
    In particolare, il territorio del calatino è stato suddiviso in quadranti e settori per agevolare la massima intensificazione del controllo delle zone interessate ed è stato predisposto un controllo delle Forze dell'Ordine caratterizzato da modularità e mobilità.
    In tale contesto è stato svolto stamane un accesso al mercato ortofrutticolo di Catania per verificare la provenienza di lotti di agrumi.
    Ciò ha consentito alla Guardia di Finanza e alla Polizia Municipale di effettuare il sequestro di quattro tonnellate di agrumi a cui si aggiunge il sequestro di tre tonnellate di prodotti di dubbia provenienza da venditori ambulanti abusivi per le vie del capoluogo.
    Ciò al fine di depurare la filiera di vendita da prodotti di dubbia provenienza e garantite l'autenticità del prodotto siciliano anche a tutela della salute dei cittadini.
    In tale quadro contesto è stata sottolineata la necessità della collaborazione dei cittadini e dei produttori nella tempestiva segnalazione di attività o persone sospette e nella denuncia di illeciti.
    La sicurezza infatti, conclude il Prefetto, è un patrimonio di tutti i cittadini a cui ciascuno può fornire il proprio contributo.

 

 
Pubblicato il 10/01/2019
Ultima modifica il 11/01/2019 alle 09:25:22

 RIUNIONE COMITATO OPERATIVO DI VIABILITA'

     Si è svolta, nella giornata di oggi, presso il Palazzo di Governo, la riunione del Comitato Operativo di Viabilità, convocata dal Prefetto di Catania Claudio Sammartino, volta a gestire eventuali emergenze di viabilità determinate da precipitazioni nevose.

    Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti della Polizia Stradale, del Comando Provinciale dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Soccorso alpino della Guardia di Finanza, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, del Dipartimento regionale della Protezione civile, del Servizio protezione civile della Città Metropolitana, dell'ANAS, dell'Ispettorato Ripartimentale delle Foreste, dell'Ente Parco dell'Etna e dei Comuni di Belpasso, Linguaglossa, Maniace e Nicolosi.

    In tale sede sono state preliminarmente richiamate le indicazioni contenute nei piani di circolazione in caso di neve fornite dall'ANAS e dal Consorzio per le Autostrade Siciliane che contengono la pianificazione della viabilità in caso di emergenze di viabilità determinate da precipitazioni nevose.

    E' stata successivamente presa in considerazione la viabilità provinciale e comunale e, in particolare, le strade di accesso all'Etna.

    I comuni interessati e gli enti proprietari delle strade dovranno mettere in atto le misure previste dai rispettivi "piani di circolazione in caso di neve" ed adottare le relative ordinanze sull'obbligo di utilizzo di mezzi antisdrucciolevoli o di pneumatici invernali.

   Inoltre, al fine di evitare situazioni di criticità, è stato posto l'accento sulla importanza che riveste l'informazione e la divulgazione alla cittadinanza delle condizioni atmosferiche da parte degli enti proprietari delle strade.

   Le amministrazioni locali, dovranno allertare per tempo sia le ditte in grado di assicurare in tempi brevissimi gli interventi per le situazioni di emergenza sia le associazioni di volontariato di protezione civile per implementare i dispositivi previsti nei rispettivi piani di circolazione e per fornire adeguata opera di informazione alla cittadinanza.

   È stata, quindi, svolta un'analisi dei punti di incontro delle strade di accesso all'Etna, e, al riguardo, sono state definite le competenze per presidiare i predetti punti di accesso.

   Si è altresì ribadita la necessità di stretta collaborazione fra tutti gli enti interessati al fine di prevenire ogni eventuale situazione di criticità e per garantire la circolazione dei veicoli in condizioni di sicurezza.

   Il rappresentante della Città Metropolitana rammenta che per ogni segnalazione o richiesta di intervento sulle strade provinciali è possibile chiamare il n. telefonico 095 - 4014315 della società partecipata Pubbliservizi.

   Inoltre, per eventuali richieste di soccorso, potranno essere contattati i consueti numeri di emergenza.

   All'esito del suddetto incontro le parti sono state invitate a mantenere alta l'attenzione ed a segnalare qualsivoglia criticità connessa alla problematica esaminata.

 

 

Pubblicato il :

 
Torna su