Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Cagliari

NOTIZIE

 

 COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO DEL 14 NOVEMBRE 2016

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Incontro in Prefettura tra il Prefetto di Cagliari Giuliana Perrotta

ed il Sindaco di Monastir Luisa Murru

 

            Nella mattinata odierna il Prefetto di Cagliari, Dr.ssa Giuliana Perrotta ed il Sindaco di Monastir, dott.ssa Luisa Murru, si sono incontrate in Prefettura al fine di fare il punto in merito all'utilizzo della ex Scuola di Polizia Penitenziaria di Monastir quale centro di prima accoglienza per migranti.

            Per il Comune di Monastir erano, altresì, presenti all'incontro gli Assessori alle attività produttive e turismo e al bilancio e programmazione, mentre, per la Prefettura di Cagliari, hanno partecipato alla riunione anche il Vice Prefetto Vicario, nonché i dirigenti dell'Area immigrazione e del Servizio attività contrattuale.

Preliminarmente, il Sindaco di Monastir ha espresso la propria solidarietà al Prefetto a seguito del grave atto intimidatorio posto in essere nei suoi confronti lo scorso 11 novembre, atto considerato contrario ai principi cui si è sempre ispirata, pur nell'ambito di una dialettica in atto riguardo all'utilizzo della struttura già dell'Amministrazione Penitenziaria, sia l'Amministrazione Comunale che la popolazione di Monastir.

Nel corso del cordiale incontro, il Prefetto ha evidenziato come ogni iniziativa sia stata finora attuata con l'intendimento di avviare un percorso di leale collaborazione con le Istituzioni Locali interessate, nella convinzione che, solo attraverso un fattivo coinvolgimento degli enti locali, sia possibile dare risposte concrete e condivise alle esigenze di integrazione dei richiedenti asilo e degli stessi cittadini italiani, in un quadro di emergenza quale quello costituito dai flussi straordinari non programmati di migranti.

In tale quadro, il Prefetto ha evidenziato come il bando pubblicato sul sito della Prefettura diretto ad individuare il soggetto gestore della struttura che verrà attivata, solo in caso di necessità, presso l'ex Scuola di Polizia Penitenziaria, mira esclusivamente ad assicurare l'eventuale operatività di un centro destinato ad ospitare i migranti che sbarcano sulle coste dell'Isola oppure a garantire una prima immediata ospitalità per i richiedenti la protezione internazionale che dovessero essere trasferiti in Sardegna, in caso di temporanea indisponibilità di posti presso le strutture prefettizie già attivate.

Il Sindaco di Monastir, stante la evidente necessità di addivenire ad un eventuale utilizzo del centro, ha evidenziato l'esigenza di poter acquisire una adeguata informazione sul progredire delle iniziative che saranno assunte dalla Prefettura, al fine di poter a sua volta rendere edotti la popolazione ed il Consiglio Comunale sulle modalità di gestione della struttura stessa e sui numeri dell'accoglienza, avviando un percorso che consenta al Comune, attese le determinazioni assunte dal Governo circa l'utilizzo dell'ex compendio carcerario, di poter partecipare alla governance dell'accoglienza dei richiedenti asilo.

Il Prefetto a sua volta ha assicurato che l'eventuale apertura della sede di Monastir avverrà in maniera graduale, previe intese con l'Amministrazione comunale, con la quale si intende promuovere ogni possibile iniziativa per garantire percorsi di inclusione e di integrazione condivisi con il territorio.

Prefettura e Comune torneranno, pertanto, ad incontrarsi quanto prima per definire le prossime intese.

                                                                                             dalla Prefettura

 


 

 

 


                                                                                                                             
Pubblicato il 14/11/2016
Ultima modifica il 14/11/2016 alle 17:27:25

 COMUNICATO STAMPA 11 NOVEMBRE 2016

Il Presidente della Repubblica Mattarella ha incontrato a Roma i Prefetti.

  Il 10 Novembre al Quirinale il Presidente Mattarella ha incontrato i Prefetti della Repubblica guidati dal Ministro dell'Interno Angelino Alfano .

            Nel suo discorso il Presidente si è rivolto ai Prefetti ponendo l'accento sul contributo offerto dagli stessi, nei due secoli di storia, nel rafforzare il senso di unità del Paese e la percezione del bene comune che poggia le sue basi anche sulla coerenza dell'Amministrazione e sull'uniforme applicazione delle norme, premesse indispensabili dell'uguaglianza dei diritti.

            Negli ultimi anni, la figura dei Prefetti, arricchita dall'ampio contributo femminile - ha sottolineato il Capo dello Stato- , ha subito cambiamenti, anche profondi, allargando il raggio d'azione degli interventi e incrementando le responsabilità istituzionali e sociali.

            Interpretando le novità, i bisogni, gli allarmi che la società esprime, i Prefetti contribuiscono in modo attivo, e nel loro ruolo di agenti di coesione sociale e territoriale, alle soluzioni dei problemi nella ricerca costante di armonia tra le istituzioni.

            Tra le "sfide" del nostro tempo rientra il complesso fenomeno dell'immigrazione la cui gestione vede i Prefetti particolarmente impegnati.

            Al riguardo il Presidente ha ribadito che occorre togliere ogni alibi a quanti all'interno del nostro paese intendono sottrarsi ai doveri di solidarietà con le altre città e con gli altri cittadini.

            Il Ministro Alfano ha ricordato le particolari qualità che i Prefetti continuano a dimostrare sul campo: senso dello stato, responsabilità, affidabilità, conoscenza dei territori, attitudine all'ascolto e al dialogo, capacità di cogliere e interpretare i cambiamenti.

            "Il Prefetto ha dichiarato il Ministro, dopo aver rappresentato il cardine dell'unificazione amministrativa, costituisce oggi, in forme assolutamente nuove, la figura chiave del disegno di riorganizzazione dello Stato sul territorio.

            In allegato il saluto al Presidente del Prefetto Giuliana Perrotta.

 

                                                                                         L'ADDETTO STAMPA

                                                                                             Maria Pia Garau

 


 

 

Pubblicato il :

 
Torna su