Commissariato del Governo per la provincia di Bolzano

NOTIZIE

 

 CITTADINANZA - IMPORTANTE

 
 E' stato modificato l'avviso pubblicato sul Portale


in merito all'associazione a SPID di domande già inviate, di seguito uno stralcio: "Qualora l'utente non riuscisse ad associare la sua precedente domanda alle credenziali SPID, dovrà rivolgersi all'assistenza cliccando sulla voce "Help Desk" in fondo alla pagina.

Ove vi siano discordanze anagrafiche tra SPID e i dati inseriti nella domanda inviata, l'utente riceverà in risposta un messaggio, che lo inviterà a produrre un'autodichiarazione attestante le sue esatte generalità alla Prefettura competente, la quale, effettuate le opportune verifiche, procederà ad autorizzare l'HELP DESK alle necessarie rettifiche nel sistema.

Si ricorda che entro il 30 settembre 2021 gli utenti interessati dovranno procedere obbligatoriamente all'associazione con SPID, altrimenti non potranno verificare l'iter della propria istanza e conoscere le comunicazioni importanti che lo riguardano.

 Tutti gli atti e i provvedimenti inerenti il procedimento amministrativo avviato a seguito dell'istanza di cittadinanza italiana saranno comunicati agli interessati UNICAMENTE attraverso il portale internet dedicato, gli istanti potranno accedere registrandosi.

Si invitano, pertanto, coloro che hanno presentato istanza di cittadinanza italiana a visionare periodicamente il predetto portale, attraverso le credenziali in uso, perché alle comunicazioni ivi pubblicate NON seguirà l'invio cartaceo.

 
Pubblicato il
:

 RIUNIONE DEL COMITATO PROVINCIALE PER L'ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA

Si è svolta stamane la riunione del Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica convocata dal Commissario del Governo, Prefetto Vito Cusumano, per un esame congiunto sull'andamento, in Alto Adige, dell'attività di monitoraggio e di controllo delle misure di contenimento dell'infezione epidemiologica da Covid 19 prevista dalle vigenti disposizioni emergenziali nazionali e locali, che necessita di essere rimodulata in considerazione della progressiva ripresa degli spostamenti e delle ulteriori riaperture secondo quanto previsto dal recente D.L. n. 65/2021 e dalla successiva ordinanza del Presidente della Provincia Autonoma n. 22/2021.

Hanno partecipato, in videoconferenza, oltre ai vertici delle Forze dell'Ordine e della Polizia Stradale, il Segretario Generale della Provincia Autonoma, il Direttore dell'Azienda Sanitaria, il Coordinatore delle Polizie Municipali dell'Alto Adige ed il Vice Comandante della Polizia Municipale del capoluogo.

Preliminarmente, è stato ancora una volta riconosciuto il notevole impegno di tutte le componenti delle Forze dell'Ordine e delle Polizie Municipali che continuano ad assicurare da oltre un anno, con equilibrio e ragionevolezza, il rispetto della normativa emanata a tutela della salute pubblica.

In particolare, dall'11.3.2020 sono state controllate complessivamente 417.874 persone e sono state accertate 8.667 violazioni (2,1%).

Nello stesso periodo, sono stati inoltre controllati 149.927 esercizi commerciali e sono state contestate 243 violazioni amministrative (0,16%).

Come emerge dai recenti dati relativi alle infezioni e ai ricoveri, anche in terapia intensiva - esposti nella circostanza dal Direttore Sanitario dell'ASAA - la diffusione del virus in Alto Adige risulta sostanzialmente stabile rispetto alla settimana precedente.

Ciò anche grazie alla costante attività di tracciamento svolta dall'Azienda Sanitaria, attraverso lo svolgimento dell'attività di testing, e ad una ottimizzazione della campagna vaccinale in atto che, con l'iniziativa "Vax day and night", ha riscosso ampio consenso specie fra i più giovani.

E' stato quindi unanimemente condivisa l'esigenza che, per raggiungere quanto prima l'obiettivo di un ritorno alla normalità, occorra proseguire ancora in questa direzione, già molto confortante, ricercando sempre la collaborazione dei cittadini, che hanno dimostrato finora un elevato senso civico, affinchè continui ad essere assicurato il rigoroso rispetto delle principali misure di contenimento, con riferimento soprattutto al distanziamento personale, all'uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie e all'osservanza dei protocolli sanitari.

Pertanto, in adesione alle indicazioni impartite dal Ministero dell'Interno con circolare dello scorso 19 maggio, una particolare attenzione sarà riservata alla prevenzione di eventuali assembramenti, specie all'esterno degli esercizi commerciali, nelle adiacenze dei locali di ritrovo, nei parchi, nelle aree verdi e in quelle delle passeggiate, facendo appello innanzitutto alla responsabilità individuale e collettiva, sanzionando, ove occorra, i comportamenti che risultino in violazione delle vigenti disposizioni.

Analoga sensibilizzazione era stata rivolta dal Commissario del Governo nel corso dell'incontro svoltosi in videoconferenza lo scorso 12 maggio, al quale hanno partecipato, oltre ai rappresentanti della Camera di Commercio e delle Organizzazioni Sindacali, anche i vertici delle associazioni di categoria dei pubblici esercenti, che, per parte propria, hanno confermato di aver già predisposto i necessari protocolli anti Covid-19 e promosso le opportune campagne informative nei confronti dei rispettivi associati.

Nel corso della riunione del Comitato, è stata monitorata la situazione correlata al necessario raccordo fra gli orari di inizio e termine delle attività didattiche e quelli dei servizi di trasporto pubblico locale, di cui all'art. 1, comma 9, lett. s) del D.P.C.M. 3 dicembre 2020 ed al successivo D.P.C.M. dello scorso 2 marzo.

Sono intervenuti, sul tema, l'Assessore ed il Dirigente della Ripartizione Mobilità della Provincia Autonoma, il Sovrintendente scolastico in lingua italiana, le Intendenti scolastiche in lingua tedesca e ladina ed il Direttore dell'Astat.

In quella sede, i vertici delle intendenze scolastiche hanno confermato l'efficacia del vigente documento operativo che, attraverso, fra l'altro, il potenziamento delle linee viarie e ferroviarie ed il ricorso ad oltre 100 bus aggiuntivi - dedicati esclusivamente agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado - consente, ad oggi, lo svolgimento dell'attività didattica in presenza complessivamente a circa il 75% della popolazione studentesca degli istituti secondari di secondo grado di questo territorio.

I presenti hanno quindi condiviso l'opportunità di avviare, in tempo utile per l'inizio del nuovo anno scolastico, la necessaria programmazione per aumentare ulteriormente la frequenza didattica in presenza degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

Infine, è stata delineata la predisposizione delle attività di prevenzione e di controllo finalizzate ad assicurare, durante il prossimo periodo estivo, la sicurezza viaria lungo le principali arterie stradali di questo territorio, con particolare riguardo a quelle che conducono ai più rinomati e frequentati passi montani dell'Alto Adige.

La pianificazione dei servizi si sviluppa, anche quest'anno, attraverso un percorso già condiviso, coordinato dal Commissariato del Governo ed attuato dalla Sezione della Polizia Stradale in stretto raccordo con l'Arma dei Carabinieri e con il Coordinatore delle Polizie Municipali dell'Alto Adige, attraverso il quale sono stati attentamente esaminati gli aspetti di maggior interesse e di possibile criticità relativi alla sicurezza viaria in questa provincia, specie durante il periodo estivo, caratterizzato tradizionalmente da un elevato flusso veicolare - soprattutto motociclistico - lungo le strade montane che conducono ai principali passi (tra gli altri, quelli dolomitici, nonché i passi Giovo e Rombo).

Gli esiti di tale articolata attività di monitoraggio e di controllo, anche sanzionatorio, saranno poi analizzati in sede di Osservatorio sulla Sicurezza Stradale, costituito presso il Commissariato del Governo per la prevenzione dell'incidentalità stradale ed il rispetto delle norme del Codice della Strada, in un'ottica di garanzia della sicurezza viaria e di salvaguardia di tutti gli utenti della strada.

Bolzano, 21 maggio 2021
Pubblicato il 21/05/2021
Ultima modifica il 25/05/2021 alle 08:53:08

 VISITA NUOVO COMANDANTE INTERREGIONALE CARABINIERI TRIVENETO GEN. C.A. ANTONIO PAPARELLA

Il Commissario del Governo per la provincia di Bolzano, Prefetto Vito Cusumano, ha ricevuto oggi, in visita di presentazione, il Gen. C.A. Antonio Paparella, nuovo Comandante Interregionale Carabinieri "Vittorio Veneto",  da cui dipendono i Reparti dell'Arma delle regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto.

L'alto ufficiale, che subentra nell'incarico al Gen. C.A. Enzo Bernardini, nominato Vice Comandante Generale, ha assunto servizio presso il Comando Interregionale dell'Arma dei Carabinieri di Padova lo scorso 19 marzo.
Nel corso della sua brillante carriera professionale, il Gen. C.A. Paparella è stato dapprima Comandante di Compagnia a Ventimiglia (Imperia) e a Foggia, per poi assumere incarichi di rilievo a Roma e Milano, nell'ambito delle telecomunicazioni e della tutela forestale.

Successivamente, fino alla recente nomina presso la sede di Padova, ha ricoperto l'incarico di Vice Comandante interregionale dei Carabinieri "Podgora" a Roma.
Nel corso del cordiale colloquio, tra le diverse tematiche affrontate, è stato sottolineato il costante impegno dell'Arma dei Carabinieri in provincia di Bolzano in relazione alla incessante attività di controllo del territorio, sia sotto il profilo della prevenzione che della repressione dei reati.

Al termine dell'incontro, il Prefetto Cusumano ha formulato al Gen. C.A. Paparella  i migliori auguri di buon lavoro, ringraziandolo dell'apporto fornito costantemente dai vertici territoriali, dagli ufficiali preposti ai vari reparti e da tutto il personale dell'Arma dei Carabinieri nel quotidiano impegno svolto a garanzia della sicurezza dei cittadini.
 
 
 
Pubblicato il
:

 VISITA DI PRESENTAZIONE DEL COMANDANTE DEL 4° REGGIMENTO AVIAZIONE ESERCITO 'ALTAIR" COL. LUCA GIANNINI

Il Commissario del Governo per la Provincia di Bolzano, Prefetto Vito Cusumano, ha ricevuto oggi, in visita di presentazione, il   Comandante del 4° Reggimento dell'Aviazione dell'Esercito «ALTAIR» di Bolzano, Col. Luca GIANNINI.

Il Col. Giannini subentra al Col. Luca Piperni che è stato negli ultimi due anni al comando del 4° Reggimento.
Il Comandante Giannini proviene dalla Brigata aeromobile "Friuli" di Bologna, dove ha ricoperto l'incarico di Capo Ufficio Operazioni, Pianificazioni ed Addestramento (OPA).

Nel corso del cordiale incontro, sono stati affrontati diversi aspetti di comune interesse, specie per quanto concerne la sinergica collaborazione esistente tra il Commissariato del Governo ed il Comando Aves Altair nel delicato settore delle operazioni di ricerca e di soccorso, nell'ambito delle quali è stata confermata la grande professionalità e la dedizione al servizio dei militari di quel Reggimento.

Al termine, il Prefetto Cusumano ha formulato al Col. Giannini i migliori auguri di buon lavoro.
 
Pubblicato il
:

 
Torna su