Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Bologna

NOTIZIE

 

 DISINNESCO ORDIGNO BELLICO IN LOCALITA' VADO DI MONZUNO

Sarà disinnescato e rimosso nella mattinata di domenica 1 giugno prossimo, con inizio delle operazioni alle ore 10.00, l'ordigno bellico inesploso risalente alla seconda guerra mondiale, rinvenuto nel letto del fiume Setta nel Comune di monzuno (bo), frazione Vado, all’altezza della località Creda.

Per l’effettuazione in massima sicurezza delle operazioni, nell'area interessata si provvederà al temporaneo blocco di tutte le attività pubbliche e private presenti nella zona interessata, nonché all’allontanamento di tutte le persone  presenti.

A partire dalle ore 9.30 sarà disposto, inoltre, il blocco momentaneo della circolazione stradale e del servizio pubblico di autobus e dalle ore 9.50 della linea ferroviaria, e sarà vietato il sorvolo aereo della zona.

La rimozione delle due spolette e il successivo brillamento saranno effettuati dagli artificieri dal nucleo e.o.d. del reggimento genio ferrovieri dell'esercito di stanza a castelmaggiore (bo).

Tutta la zona sarà messa in sicurezza e sorvegliata da forze dell'ordine e vigili urbani, con l'ausilio dell'8° reparto volo della polizia.

Saranno presenti inoltre i vigili del fuoco e il servizio emergenza 118 con ambulanza e personale medico a bordo.

Al termine del disinnesco, l'ordigno sarà trasportato, con la scorta della polizia stradale, in Comune  di Marzabotto presso la cava  “poma s.r.l.“, sita in località rio carbonaro -frazione lama di setta, dove verrà fatto brillare in sicurezza .

Cittadini, esercizi commerciali e ogni altra attività della zona riceveranno tempestivamente  avviso ed istruzioni  da parte dell’amministrazione comunale.

Chi non sarà in grado di organizzarsi autonomamente, potrà trascorrere il tempo necessario nei centri di accoglienza predisposti per l'occasione dal Comune di Monzuno.

A partire dalle ore 9.15, sarà istituito, presso la sede della delegazione comunale di Vado, sita in Piazza della Libertà, n. 8/a, un  incident  control point (I.C.P.) o posto di comando per sovraintendere a tutte le operazioni, coordinato dalla Prefettura e composto da rappresentanti di: Reggimento Genio Ferrovieri di Castel Maggiore, Questura, Comando Provinciale dell'Arma dei Carabinieri, Sezione Polizia Stradale, III Reparto volo della Polizia di Stato di Bologna, coordinamento provinciale Corpo Forestale dello Stato, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, Comune di Monzuno, Comune di Marzabotto, Centrale Operativa 118 emilia est, Autostrade per l’Italia s.p.a. – Direzione 4° tronco ANAS- Compartimento Viabilità Emilia-Romagna, Hera, Enel, Telecom, T-PER, R.F.I., Volontariato di pubblica assistenza di Monzuno (bo) e gruppo alpini di Monzuno.
Pubblicato il :

 COMUNE di SALA BOLOGNESE - ESTRAZIONE A SORTE REVISORE DEI CONTI - SORTEGGIO

Si comunica che l'estrazione a sorte per la conseguente nomina dell'organo di revisione economico-finanziario monocratico del Comune di Sala Bolognese, si terrà presso la Sala Giunta di questa Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo giovedì 15 maggio p.v. alle ore 09.00.
Pubblicato il :

 PRIMO MAGGIO A BOLOGNA - IL PREFETTO CONSEGNA LE STELLE AL MERITO DEL LAVORO

Nella splendida cornice del Salone del Podestà di Palazzo Re Enzo, questa mattina si è svolta la cerimonia, organizzata dalla Prefettura di Bologna,  di consegna delle decorazioni delle “Stelle al Merito del Lavoro” a 90 neo insigniti Maestri del lavoro della regione Emilia-Romagna.

 

La Stella al Merito del Lavoro è una prestigiosa onorificenza della Repubblica conferita ogni anno dal Capo dello Stato a quei lavoratori che,  nella loro esperienza lavorativa, si siano distinti per particolari meriti di laboriosità e integrità personale.

 

Nel corso del significativo evento, al quale  hanno partecipato parlamentari e altre autorità civili militari e religiose, è stato proiettato un filmato, elaborato appositamente dalla Cineteca di Bologna, che, attraverso fotografie e brevi sequenze di film, ha raccontato il lavoro dell’uomo nel corso del Novecento e in particolare quello degli emiliano romagnoli, e come lo stesso sia diventato memoria collettiva.

Dopo un breve saluto ai presenti il Prefetto Ennio Mario Sodano ha poi proceduto, insieme ai rappresentanti della Regione, della Provincia, del Comune e della Camera di Commercio di Bologna, nonchè della Direzione Regionale del Lavoro e delle Federazioni dei Maestri del Lavoro e dei Cavalieri del Lavoro, alla consegna dei diplomi onorifici conferiti dal Presidente della Repubblica.

.
Pubblicato il :

 
Torna su