Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Bologna

NOTIZIE

 

 Saluto in Comune di Bologna

Il Prefetto Angelo Tranfaglia, in occasione della seduta straordinaria della Giunta comunale del 27 novembre 2013, ha portato il suo saluto di commiato al Sindaco di Bologna, al Presidente del Consiglio Comunale, agli Assessori e ai capigruppo consiliari, riuniti nella Sala Rossa di Palazzo D’Accursio.
Pubblicato il 27/11/2013 ultima modifica il 29/11/2013 alle 16:32:03

 IL PREFETTO TRANFAGLIA SALUTA I SINDACATI

Il Prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia ha incontrato questa mattina a Palazzo Caprara Montpensier i rappresentanti confederali della CGIL Danilo Gruppi, della CISL Alessandro Alberani, della UIL Luciano Roncarelli e dell’UGL Tullia Bevilacqua per un saluto di commiato.

Nel corso del cordiale incontro, il Prefetto, dopo aver ringraziato anche tutte le categorie delle organizzazioni sindacali per il tramite dei rappresentanti confederali per l’azione che conducono a tutela del lavoro e dei diritti dei lavoratori della provincia di Bologna, ha ricordato l’intensa e proficua attività svolta insieme: le mediazioni nelle vertenze sindacali, i protocolli di intesa a difesa del reddito delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, i tavoli istituiti per lo studio, il progetto ed il lancio di iniziative tese ad alleggerire le condizioni di disagio economico e sociale in generale che stanno interessando fasce sempre più larghe di popolazione, come ad esempio le intese rivolte ad attenuare gli effetti dei provvedimenti di sfratto esecutivi.

I rappresentanti sindacali hanno, a loro volta, ringraziato il Prefetto per l’attenzione e la disponibilità con le quali ha sempre seguito le loro iniziative e per il dialogo continuo mantenuto con le organizzazioni confederali e di categoria.
.
Pubblicato il :

 Estrazione a sorte revisore dei conti - Comune di Marzabotto

Si comunica che l’estrazione a sorte per la conseguente nomina dell’organo di revisione economico-finanziario monocratico del Comune di MARZABOTTO, si terrà presso la Sala Giunta di questa Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo venerdì 29 novembre p.v. alle ore 12.00
Pubblicato il :

 CONSEGNATE LE ONORIFICENZE AL MERITO DELLA REPUBBLICA

Questa mattina il Prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia ha consegnato, nel corso di una cerimonia tenuta a Palazzo Caprara Montpensier, ed alla quale hanno partecipato autorità religiose, civili e militari, i diplomi di conferimento delle Onorificenze dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana a n. 23 neo insigniti della provincia di Bologna, di cui due donne.
 
Le onorificenze al Merito della Repubblica, destinate a coloro che abbiano speciali benemerenze verso la Nazione, sono conferite dal Presidente della Repubblica su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri.
 
L'Ordine al merito della Repubblica è composto di cinque classi: cavalieri  di gran croce, grandi ufficiali, commendatori, ufficiali e cavalieri.
 
" I valori riconosciuti con il conferimento delle onorificenze odierne - ha affermato il Prefetto Tranfaglia – quali la dedizione al servizio, il senso del dovere, l’iniziativa creativa, l’impegno civile, la solidarietà, che hanno contraddistinto in maniera straordinaria l’attività svolta dai neo insigniti al Merito della Repubblica nelle pubbliche amministrazioni, nelle imprese private ed, in generale, nella società civile, devono continuare ad essere celebrati in ogni occasione, in quanto, soprattutto in questo difficile momento, restano elementi di unità e coesione per la comunità nazionale, oltre che per il valore esemplare che sottolineano”.
 
In quest' occasione hanno ricevuto il diploma 19 Cavalieri, 2 Ufficiali, 1 Commendatore e 1 Grand’Ufficiale.
.
Pubblicato il :

 INCONTRO DEL PREFETTO CON IL PRESIDENTE DELL'AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE ED I SINDACI DELLA PROVINCIA

Il Prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia che tra qualche giorno concluderà il suo servizio nell’Amministrazione dell’Interno, ha salutato questa mattina, in occasione di una cerimonia a Palazzo Caprara, il Presidente dell’Amministrazione provinciale e i Sindaci della provincia.

Nel corso del suo intervento di commiato dai rappresentanti degli enti locali della provincia, il Prefetto ha voluto dare atto dell'importanza, in questi oltre cinque anni, del rapporto sempre franco, corretto e costruttivo instaurato, rapporto che ha consentito, attraverso anche la conoscenza approfondita delle diverse realtà territoriali e la comprensione delle relative autentiche esigenze, di promuovere le sinergie e le collaborazioni necessarie a pervenire a soluzioni il più possibile efficaci ed adeguate per le diverse problematiche e criticità.

“In questa provincia - ha proseguito Tranfaglia -  questo può avvenire e molte volte avviene perché è grande la capacità di fare sistema dei soggetti istituzionali come anche del privato sociale, e la disponibilità a mettere insieme le energie per il bene comune”.

 

Il Prefetto Tranfaglia ha infine rivolto agli amministratori locali un augurio a proseguire con il consueto impegno, senso di responsabilità e con rinnovata fiducia, in un cammino costante di crescita e di sviluppo.

A seguire la Presidente della Provincia Beatrice Draghetti ed il Presidente dell’ANCI
Emilia-Romagna Daniele Manca sono intervenuti per ringraziare il Prefetto Tranfaglia per  la vicinanza costantemente manifestata, la capacità di coordinamento e di costruire relazioni e momenti di dialogo e confronto autentici con gli amministratori locali, durante questi anni di servizio a Bologna, coincidenti con momenti spesso difficili, sempre al fine di contribuire alla realizzazione del bene del territorio.


.
Pubblicato il 20/11/2013 ultima modifica il 20/11/2013 alle 18:34:25

 IL PREFETTO TRANFAGLIA SALUTA LA GIUNTA ED I CAPIGRUPPO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

La Provincia di Bologna ha salutato questa mattina, durante la seduta di Giunta e alla presenza del p residente del Consiglio Stefano Caliandro e dei capigruppo, il Prefetto Angelo Tranfaglia in procinto di lasciare l'incarico di Bologna a conclusione della sua carriera.
“Con molti di noi – ha affermato la presidente Beatrice Draghetti aprendo l’incontro - Lei ha compiuto un lungo tratto di strada: le rispettive responsabilità di governo e di amministrazione si sono incontrate ed intrecciate in una volontà comune, che non è mai venuta meno, di perseguire il bene di questo territorio.
Desidero ringraziarla – ha proseguito Draghetti - per questi intensi anni di servizio a Bologna: in particolare per la Sua volontà e la Sua determinazione a tendere alla soluzione dei tanti problemi e delle molte questioni che lo stare sul territorio con funzioni specifiche comporta. Non è sempre scontato, anche a prescindere dalla volontà delle persone: la complessità e la durezza delle vicende potrebbero qualche volta indurre a strappare, a trovare scorciatoie. La pazienza del confronto e della ricerca comune è risultata sempre essere la via maestra, che ci ha portato in genere ad approdare a risultati significativi ed efficaci, insieme.
Finiscono i ruoli – ha concluso Draghetti - ma là dove c'è stato un onesto e qualificato lavoro comune, rimangono le relazioni e le amicizie. Sappia, caro Prefetto, che tutte le volte che tornerà a Bologna troverà una calda accoglienza”.
Il Prefetto Tranfaglia, nel ringraziare la Provincia per l'invito, ha ricordato come “da sempre i Prefetti riconoscono nella Provincia l'interlocutore naturale non solo per la corrispondenza territoriale ma anche per il ruolo di collante delle esigenze locali che ha sempre svolto individuando spazi di concertazione e mediazione.
La Provincia di Bologna – ha proseguito Tranfaglia – svolge un’importante attività di osservazione dei bisogni sociali, di coordinamento territoriale e dei servizi, con una particolare attenzione al lavoro e all'economia, soprattutto in questi ultimi anni di crisi economica. In molte tematiche siamo stati impegnati insieme, Prefettura e Provincia: dalla mediazione sulle crisi aziendali al protocollo sfratti.
Questa Provincia – ha concluso Tranfaglia - si é dimostrata quindi in grado di tradurre in politiche concrete i valori e le motivazioni della medaglia d'oro al merito civile che ha ricevuto nel 2006”.
 
.
 
Pubblicato il 19/11/2013 ultima modifica il 20/11/2013 alle 08:30:22

 IL PREFETTO TRANFAGLIA SALUTA LA GIUNTA E IL CONSIGLIO DELLA CAMERA DI COMMERCIO E I RAPPRESENTANTI DELLE CATEGORIE PRODUTTIVE DI BOLOGNA

La Camera di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato di Bologna ha salutato ieri mattina, al termine della seduta di Giunta e alla presenza del P residente Giorgio Tabellini, dei consiglieri e di tutti i Presidenti delle associazioni imprenditoriali della provincia , il Prefetto Angelo Tranfaglia in procinto di lasciare l'incarico di Bologna a conclusione della sua carriera.

Dopo aver ricevuto l’indirizzo di saluto e di ringraziamento del Presidente per l’intensa attività posta in essere in sinergia con la Camera e con le diverse organizzazioni di categoria, il Prefetto Tranfaglia nel suo intervento di commiato ha ricordato le numerose azioni realizzate a sostegno dell’economia nella difficile congiuntura che ha attanagliato anche questo territorio dal 2008 ad oggi, a cominciare da quelle condotte per contenere il restringimento del credito  ed incentivarne la concessione e per “evitare che situazioni transitorie e difficoltà superabili potessero sfociare in fenomeni malsani” e “ far attecchire sodalizi dediti alla gestione dell’usura”.

Sottolineato anche il rilievo delle iniziative assunte d’intesa con la Camera e le singole organizzazioni imprenditoriali per il contrasto alla criminalità, quali i protocolli d’intesa in materia di video-sorveglianza e le azioni in atto per l’accelerazione delle procedure di rilascio di comunicazioni antimafia, che vedono il coinvolgimento dello stesso Ente, il Prefetto, concludendo il suo saluto, ha espresso il “più vivo apprezzamento per l’impegno di cui“ la Camera e le categorie economiche della provincia danno “quotidianamente prova e che ho potuto in tante occasioni osservare e sperimentare”.

 
Pubblicato il 19/11/2013 ultima modifica il 20/11/2013 alle 17:33:47

 SALUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI IMOLA AL PREFETTO TRANFAGLIA

Questo pomeriggio si è tenuta ad Imola una seduta solenne del Consiglio Comunale che ha voluto così portare il suo saluto al Prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia che, tra qualche giorno, concluderà il suo servizio nell’Amministrazione dell’Interno.
 
Alla presenza dei parlamentari, delle autorità civili, militari e religiose, dei Sindaci del Circondario e di molte cittadine e cittadini di Imola, la Presidente del Consiglio Comunale, i Capi Gruppo e il Sindaco Manca hanno voluto esprimere gratitudine e riconoscenza al Prefetto per l’impegno profuso in questi anni per il territorio di Imola e del suo Circondario.
 
Nel suo intervento il Prefetto ha ringraziato per l’invito rivoltogli, invito che gli ha dato modo “… di testimoniare quella che è stata una sorta di linea guida… ” della sua attività e che ritiene il ruolo più importante del Prefetto oggi: “ la funzione di supporto ai Comuni per meglio esaltare tutte le potenzialità delle autonomie locali ”.
 
Dopo avere ricordato le diverse occasioni in cui durante questi anni si è recato in visita alla città (tra le altre, le sedute del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica sugli specifici temi della sicurezza del Circondario, la firma dei protocolli di intesa per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata e le numerose cerimonie istituzionali), il Prefetto, nel prendere congedo da Imola, dal suo Circondario e dai suoi cittadini, ha voluto esprime l’auspicio che si continui anche nei prossimi anni nella direzione di “…un dialogo sempre fecondo e costruttivo fra le istituzioni che, a diversi livelli, rappresentano il territorio; un dialogo che sia anche espressione della maturità di una comunità in cui appare così alto e responsabile il senso delle virtù civili e della partecipazione democratica ….”.
 
 
.
 
Pubblicato il 18/11/2013 ultima modifica il 20/11/2013 alle 08:18:10

 VISITA DEL CONSOLE DEI PAESI BASSI

Il Prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia ha ricevuto oggi, 15 novembre 2013, a Palazzo Caprara Montpensier in visita di cortesia il Console Generale del Regno dei Paesi Bassi a Milano David P.M. de Waal.

Nel corso del cordiale incontro, il Prefetto ed il Console Generale hanno esaminato varie questioni di interesse per i due Paesi, auspicando il rafforzamento degli scambi culturali ed economici tra essi.
Pubblicato il :

 Revisione 2013 del Piano di emergenza esterna dell’azienda a rischio di incidente rilevante REAGENS s.p.a. - Via Codronchi n. 4 – SAN GIORGIO DI PIANO (BO)

Ai sensi e per gli effetti dell'art.2 del d.m. 24 luglio 2009 n.139 il Prefetto di Bologna rende disponibile la bozza definitiva della Revisione 2013 del Piano di emergenza esterna dell’azienda a rischio di incidente rilevante REAGENS s.p.a. - Via Codronchi n. 4 – SAN GIORGIO DI PIANO (BO) per la sua consultazione, per un periodo di tempo di 30 giorni.
 
Decorso il periodo di tempo indicato, il Prefetto provvederà all'adozione del Piano (PEE) mediante decreto di approvazione.
Pubblicato il 15/11/2013 ultima modifica il 15/11/2013 alle 20:16:04

 Giornata di studio sul pagamento dei debiti della P.A. verso le imprese

Si è tenuta oggi, 14 novembre 2013, presso la Prefettura di Bologna, una giornata di studio organizzata di intesa con la Scuola di Specializzazione in Studi sull'Amministrazione Pubblica, la Fondazione “PROMO P.A.” e la Fondazione “Istituto di Studi di Diritto Amministrativo Umberto Borsi”, sul tema dei pagamenti dei debiti delle Pubbliche amministrazioni verso le imprese .
Nel corso dell’incontro, al quale hanno partecipato dirigenti degli Enti locali, magistrati, docenti e studenti universitari, è stata presentata la nuova ricerca commissionata dalla Fondazione Borsi e relativa a
 
lla realizzazione da parte della Fondazione “PROMO P.A.” di un’indagine conoscitiva sull’argomento “I pagamenti della P.A. alle imprese: l’esperienza dell’Emilia-Romagna” .
I lavori della giornata, aperti dal Direttore della SP.I.S.A. Prof. Franco Mastragostino e dal Prefetto Angelo Tranfaglia - il quale ha sottolineato tra l’altro “l’importanza che la misura dello sblocco dei pagamenti dei debiti delle Pubbliche amministrazioni verso le imprese assume oggi, in un momento difficile per la crisi economica che il Paese sta ancora attraversando, al fine di agevolare la ripresa degli investimenti necessari per rilanciare lo sviluppo” - sono iniziati con l’illustrazione dei risultati della ricerca da parte della Dott.ssa Annalisa Giachi, Responsabile Ricerca Fondazione Promo P.A., e con gli interventi del Presidente Promo P.A. Dott. Gaetano Scognamiglio e del Dott. Stefano Bigi del Comune di Bologna .
Ha fatto seguito un seminario in cui è stato fatto il punto sulle ricerche di particolare interesse e attualità, avviate grazie agli assegni di ricerca conferiti dalla SP.I.S.A. e finanziati dalla Fondazione Borsi. Dopo l’esposizione da parte degli studenti impegnati nell’attività di studio, degli argomenti oggetto di approfondimento, relativi al coordinamento dei livelli di governo territoriale nella nuova disciplina dei servizi pubblici locali di rilevanza economica e alla collaborazione pubblico-privati nell’esercizio della funzione urbanistica, i professori Giuseppe Caia e Franco Mastragostino dell’Università di Bologna, che hanno guidato i ricercatori stessi nel loro lavoro, ne hanno tracciato le conclusioni.
 
 
 
.
Pubblicato il 14/11/2013 ultima modifica il 14/11/2013 alle 15:38:44

 PRESENTAZIONE DEL VOLUME "REFERENDUM E NASCITA DELLA REPUBBLICA. IL 2 GIUGNO A BOLOGNA" E LECTIO MAGISTRALIS DEL VICE PRESIDENTE EMERITO DELLA CORTE COSTITUZIONALE PROF. CHELI

Si è svolta questa mattina a Palazzo Caprara Montpensier, sede della Prefettura di Bologna, alla presenza delle Autorità civili e militari della Provincia, del Vice Presidente Emerito della Corte Costituzionale prof. Cheli  e di numerosissimi studenti dei Licei bolognesi e dell’Università Alma Mater,  la presentazione del volume “Referendum e nascita della Repubblica. Il 2 Giugno a Bologna”.
Pensato inizialmente come catalogo della mostra inaugurata a Palazzo Caprara lo scorso 2 giugno, in occasione del 67° Anniversario della Fondazione della Repubblica Italiana, l’opera, anche grazie ai saggi che ne commentano le diverse sezioni, va oltre il dato semplicemente documentaristico e si pone come utile strumento per rinnovare la memoria di una delle fasi più cruciali e dense di significato della storia di questo Paese: quella di transizione dalla liberazione al nuovo assetto istituzionale.
Il volume riproduce tutti i preziosi materiali e i documenti esposti in occasione della mostra, messi a disposizione da Istituzioni, Istituti storici, Associazioni e da Il Resto del Carlino, ed offre  una attenta e aggiornata riflessione storica,  condotta a più voci e da diversi punti di vista dagli autori dei saggi (prof. Barbera, prof. Alessandrini, prof. Vitali e dal giornalista del Carlino dr Sughi), che conduce il lettore per mano attraverso le giornate che dal 25 giugno 1944 (data del decreto luogotenenziale Bonomi con cui era stato stabilito che al termine della guerra sarebbe stata indetta una consultazione popolare per scegliere la forma di stato ed eleggere una Assemblea Costituente) giungono fino alla proclamazione dei voti nella grande Sala della Lupa a Montecitorio.
Nel suo intervento introduttivo il Prefetto Angelo Tranfaglia ha voluto sottolineare che “ Oggi è più che mai indispensabile - forti della memoria del passato - progettare il futuro di questo Paese, un futuro che non può prescindere… dall’accrescimento della partecipazione - soprattutto dei giovani - alla vita civile della loro comunità e al sistema di democrazia rappresentativa…”.
Nella  sua lectio magistralis sul tema “Costituente e Costituzione il prof. Cheli ha  sottolineato  il forte significato civile di questa iniziativa e l’importante contributo offerto dal  volume “..per la conoscenza dei fatti che hanno condotto alla nascita della Repubblica e della Costituzione”.
Ha affrontato quindi i temi relativi all’analisi dei fattori storici che hanno concorso alla nascita della carta costituzionale, del modello di società e di Stato che da quella Carta è scaturito ed infine del livello di attuazione, nei 67 anni di storia repubblicana, della Costituzione stessa.
Il prof. Cheli ha voluto sottolineare quello che è stato il positivo “rendimento storico” della nostra Carta “ che ha garantito nel corso degli anni …. anche in occasione dei passaggi più difficili della storia … l’unità e la tenuta del nostro impianto democratico e ha favorito il consolidamento di quel tessuto di libertà ed autonomie…”  declinato negli articoli della Costituzione e  voluto allora dai padri costituenti per dare un impianto democratico moderno allo Stato e per recuperare l’unità politica e morale al paese.
.
.
Pubblicato il 11/11/2013 ultima modifica il 13/11/2013 alle 18:55:42

 IL PREFETTO DI BOLOGNA CONSEGNA UN IMMOBILE CONFISCATO ALLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA AL SINDACO DI PIEVE DI CENTO

Sono state consegnate questa mattina al sindaco del comune di Pieve di Cento (BO) Sergio Maccagnani, dal prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia, le chiavi di un complesso immobiliare confiscato alla criminalità organizzata, ubicato in via Cento 39.

Il complesso è formato da un fabbricato principale e uno accessorio circondati da un cortile, che era precedentemente adibito ad albergo.
La destinazione dell'immobile, effettuata lo scorso 26 giugno dall’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, si aggiunge agli altri 4 immobili confiscati nella provincia, nei comuni di Bologna, Imola, Gaggio Montano e Pianoro, assegnati agli enti locali e alle forze dell’Ordine.

 «La consegna dell’immobile confiscato al comune di Pieve di Cento è un atto di grande valore, concreto per quello che consente di realizzare al Comune, ed anche altamente simbolico» ha detto il prefetto di Bologna. «La confisca, infatti - ha sottolineato - agisce in modo incisivo e tangibile sul potere della criminalità organizzata e sulla sua capacità di controllo del territorio, restituendolo alla comunità locale. Questi beni sono il segno tangibile della lotta dello Stato contro le mafie».

«L’immobile che l’Agenzia Nazionale per i beni sequestrati alla criminalità organizzata e la prefettura di Bologna hanno destinato al Comune di Pieve  - ha detto il Sindaco - ci rende innanzitutto orgogliosi del lavoro delle giustizia e delle Istituzioni nel contrasto alla criminalità organizzata. Quello che è avvenuto testimonia come anche questo territorio non ne sia esente. Il Comune destinerà l’immobile per finalità sociali, in particolare al tema dell’emergenza abitativa».
.

Pubblicato il :

 VISITA DEL CONSOLE GENERALE DELLA REPUBBLICA FEDERALE TEDESCA

Il Prefetto di Bologna Angelo Tranfaglia ha ricevuto oggi, 7 novembre 2013, a Palazzo Caprara Montpensier in visita di cortesia il Console Generale della Repubblica Federale di Germania a Milano Peter Dettmar.

L’incontro tra il Prefetto ed il Console, svoltosi in un clima di viva cordialità, è stato l’occasione per una panoramica sui consolidati rapporti economici e culturali tra i due Paesi.
.
Pubblicato il :

 INAUGURATO IL PRESEPE "LA NATIVITA' DI PALAZZO CAPRARA MONTPENSIER"

E’ stato inaugurato questo pomeriggio presso la sede della Prefettura di Bologna, alla presenza dell’Autorità civili, militari e religiose della provincia, il presepe “La natività di Palazzo Caprara Montpensier”.
L’opera è stata realizzata dallo Scultore Luigi E. Mattei che ne ha voluto fare dono alla Prefettura.
Il presepe, di grandi dimensioni (90x190x50) e realizzato in terracotta fittile, è stato collocato nella cappella seicentesca di Palazzo Caprara.
L’opera si compone del gruppo a tutto tondo costituito dalla Madonna con Bambino e Giuseppe, inquadrati in una ampia lunetta a bassorilievo nella quale sono raffigurati due angeli: uno detto “dello stupore”, l’altro con la spada dell’Arcangelo Michele. Affianca la scena San Francesco, la cui figura è ispirata a quella veridica del Cimabue.
La “Natività” si pone come coronamento delle tre grandi rassegne presepiali tenutesi in occasione delle festività natalizie del 2010, 2011 e 2012 - la prima  dedicata al presepe napoletano e bolognese, la seconda alla tradizione presepiale nelle diverse regioni italiane e la terza ai presepi del mondo- e testimonia il rapporto profondo della città di Bologna con una tradizione antichissima, punto d’incontro tra cultura  religiosa, sentimento popolare e creazione individuale.
Il Prefetto Angelo Tranfaglia  nel suo intervento ha voluto ringraziare tutti gli sponsor, grazie alla cui generosità e straordinaria disponibilità è stato possibile realizzare le diverse iniziative ed i tanti appassionati cultori dell’arte presepiale che hanno permesso di poter esporre opere provenienti da collezioni pubbliche e private.
Ha altresì ricordato  che le tre mostre  hanno rappresentato l’occasione per aprire il palazzo sede della Prefettura alla cittadinanza ed anche per una raccolta di fondi, attraverso la vendita dei cataloghi, per sostenere importanti iniziative benefiche: nel 2010 in favore della FANEP – Associazione Famiglie Neurologia pediatrica di Bologna; nel 2011 per la ricostruzione delle scuole materna e primaria del comune di Rocchetta di Vara (SP) andate distrutte durante la terribile alluvione dell’autunno di quell’anno; infine, i fondi raccolti nel 2012 sono stati devoluti alle scuole primarie del Comune di Crevalcore, gravemente danneggiate dal sisma del maggio.
.

.

Pubblicato il :

 Celebrazione della Giornata dell'Unità nazionale delle Forze armate - Inaugurazione della mostra fotografica dedicata alle Forze Armate

Si è tenuta ieri 4 novembre  a Bologna, in Piazza Maggiore, la cerimonia ufficiale di celebrazione dell'Unità nazionale e delle Forze Armate, nell'anniversario della Vittoria nella prima guerra mondiale.

La commemorazione, organizzata dalla Prefettura di Bologna in collaborazione con il Comando Militare Emilia Romagna e il Comune di Bologna, si è aperta con lo schieramento di una compagnia d’onore interforze, composta da plotoni dell'Esercito, della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Penitenziaria, del Corpo Forestale dello Stato, del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana e dei Vigili del Fuoco .

Sono seguiti gli interventi del Comandante Militare Esercito Emilia Romagna Gen. Antonio De Vita e de l Sottosegretario di Stato all’Istruzione  dott. Gian Luca GALLETTI .

Al termine delle celebrazioni tenute in Piazza Maggiore si è svolta la cerimonia d’inaugurazione della mostra fotografica:  "I Volti dei Militari Italiani. I Valori della Patria in un' Immagine".

All’evento, ospitato nella suggestiva cornice di Palazzo “Caprara Montpensier”, sede della Prefettura, hanno partecipato il Sottosegretario di Stato Gian Luca GALLETTI, il Prefetto Angelo TRANFAGLIA, Parlamentari, rappresentanti di Regione e Amministrazione Provinciale, Sindaci dei Comuni della provincia, il Questore ed i Comandanti Regionali dell’Esercito, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza.

La rassegna, voluta dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e realizzata dalla Commissione Italiana di Storia Militare (CISM)/ Ufficio Storico dello Stato Maggiore Difesa, è stata inaugurata per la prima volta il 24 maggio 2012 al Complesso Monumentale del Vittoriano a Roma.

“I Volti dei Militari Italiani…I Valori della Patria in un’Immagine” è una mostra fotografica che rappresenta, con l’immediatezza dello scatto fotografico, l’impegno e la capacità dei militari italiani, ripresi nel corso delle numerose attività in Patria o all’estero.

L'esposizione, che nella sua prima giornata di apertura, ha fatto registrare più di 550 visitatori, sarà visitabile in Prefettura sino a Sabato 9 novembre p.v., con ingresso libero dalle 09.00 alle 18.00, per poi essere trasferita nei locali del Circolo Ufficiali dell'Esercito di Bologna sino a tutto il mese di dicembre.

.
Pubblicato il :

 Estrazione a sorte revisore dei conti

Si comunica che l’estrazione a sorte per la conseguente nomina di un componente dell’organo di revisione economico-finanziario collegiale della Provincia di Bologna nonchè del Comune di Pianoro, si terrà presso la Sala Giunta di questa Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo mercoledì 6 novembre p.v. alle ore 12.30 
Pubblicato il :

 
Torna su