Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Bologna

Comunicati Stampa

 

 Esercitazione di difesa civile "Studium 15"

Bologna, esercitazione di difesa civile "Studium 15"

Nei giorni 11 e 12 giugno si è svolta in prefettura a Bologna l'esercitazione di gestione Crisi per posti di comando denominata 'Studium15' : obiettivo, quello di testare la funzionalità dei piani provinciali di emergenza, la capacità di reazione e l'efficienza della 'catena di comando' in situazione di crisi.

L'attività rientra in un programma d'esercitazione ideato e organizzato dal Ministero dell’Interno - Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Direzione Centrale della Difesa Civile e delle Politiche di Protezione Civile, che periodicamente viene svolto in città diverse e che coinvolge principalmente le forze di Polizia, i Vigili del Fuoco, l'Esercito e il 118.

Per 'Studium15' è stato simulato a Bologna uno scenario di crisi internazionale complesso, con attacchi 'radiologici' all'Interporto della città, snodo logistico e 'intermodale' tra i più grandi in Europa.

Uno scenario di attacco non convenzionale, condotto con armi non convenzionali tra le quali la cosiddetta 'bomba sporca', accompagnato da turbative dell’ordine pubblico e altri eventi criminali - sia connessi che estranei all’attacco - con conseguenze pesanti: 5 morti, decine di feriti, contaminazione delle persone e di parte del territorio oltre che degli ospedali nei quali erano state soccorse le vittime ferite e/o contaminate.

All'esercitazione, coordinata dalla prefettura di Bologna guidata dal prefetto Ennio Sodano, hanno preso parte Questura, Comando Provinciale Carabinieri, Comando Provinciale Guardia di Finanza, Comando Provinciale Corpo Forestale dello Stato, Comando Provinciale Vigili del Fuoco, Esercito, Polizia Penitenziaria, Polizia Stradale, Polizia Ferroviaria, Polizia di Frontiera presso l’aeroporto, Regione Emilia Romagna-Agenzia di Protezione Civile e ARPA, Città Metropolitana e Comune di Bologna-Protezione Civile, Dipartimento Sanità Pubblica AUSL di Bologna, Servizio 118, Croce Rossa Italiana, Ospedali Maggiore e Sant’Orsola, ANAS, Autostrade per l’Italia, Direzione Aeroportuale e ENAC, Rete Ferroviaria Italiana, Telecom. Hanno partecipato in videoconferenza i componenti della Commissione Interministeriale Tecnica per la Difesa Civile presieduta dal prefetto Carlo Boffi, Direttore Centrale della Difesa Civile e delle Politiche di Protezione Civile, e formata da rappresentanti di amministrazioni centrali dello Stato.
 
.
 
Pubblicato il :

 
Torna su