Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Bologna

Comunicati Stampa

 

 FESTA DELLA REPUBBLICA - CELEBRATO A BOLOGNA IL 68° ANNIVERSARIO

Si è tenuta, nella suggestiva cornice di Piazza Maggiore, alla presenza del Ministro dell’Ambiente, On. Gian Luca Galletti, del Prefetto Ennio Mario Sodano e delle altre Autorità civili e militari intervenute, con la partecipazione di numerosi cittadini, la tradizionale cerimonia di celebrazione della Festa della Repubblica, giunta alla 68^ edizione.
La manifestazione, organizzata dalla Prefettura con la collaborazione delle Istituzioni Militari, delle Forze di Polizia e degli Enti Locali, si è aperta con la deposizione delle corone di fiori dinanzi al Sacrario dei Caduti in Piazza del Nettuno, per poi spostarsi nell'adiacente Piazza Maggiore.

Il Ministro, accompagnato dal Prefetto e dal Comandante Militare Esercito Emilia Romagna Gen. Antonio De Vita, ha passato in rassegna lo schieramento dei reparti delle Forze Armate, delle Forze di Polizia statali e locali, dei Vigili del Fuoco, della Croce Rossa Italiana, dei labari delle associazioni combattentistiche d'Arma e dei Gonfaloni di Regione, Provincia e Comuni, ed ha assistito alla cerimonia dell'Alza Bandiera.
 
Dopo la lettura del messaggio ufficiale del Presidente della Repubblica, il Ministro On. Galletti, insieme alPrefettoe ai Sindaci dei comuni di residenza degli insigniti , ha consegnato le Onorificenze dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana a 21 insigniti della provincia di Bologna e la medaglia d'onore a 13 cittadini internati nei lager nazisti o deportati in Germania per svolgere lavoro coatto residenti in provincia.
.




Pubblicato il :

 BONIFICA ORDIGNO BELLICO IN LOCALITA' VADO DI MONZUNO

il giorno 1 giugno 2014, con inizio  alle ore 10.00 circa,  si sono svolte  le operazioni di disinnesco  di una bomba d’aereo  modello  “ an-m 65 gp usa ” da 1000 libbre, risalente al secondo conflitto mondiale, inesplosa, armata con una spoletta di naso ed una spoletta di coda, rinvenuta nel letto del torrente setta  in località vado nel comune di monzuno (bo).

le operazioni, di disinnesco e di bonifica della suddetta bomba di aereo, coordinate dalla prefettura di bologna attraverso l’unità di crisi appositamente costituita e diretta, sono state brillantemente effettuate da personale del comando reggimento genio ferrovieri di castelmaggiore.

com’è noto, il reggimento rappresenta una realtà unica nel suo genere in europa, è costantemente impiegato in proficua sinergia con le ferrovie dello stato, fornisce personale specializzato, mezzi e materiali per la costruzione di ponti ferroviari e la manutenzione di raccordi ferroviari militari e, dall’ aprile 2006, ha assunto il compito della bonifica del territorio da ordigni bellici inesplosi anche nella provincia di bologna, offrendo anche nell’odierna circostanza l’ennesima pregevole conferma delle proprie eccellenti capacità.

si è, inoltre, resa necessaria l’evacuazione temporanea dalle rispettive abitazioni di tutti i residenti o dimoranti (n. 570) all’interno della “ danger zone ”, attuata grazie ad un apposito, articolato piano operativo di sgombero.

è stato curato l’allontanamento di tutte le persone, provvedendo all’accompagnamento presso strutture di accoglienza appositamente individuate degli anziani , dei diversamente abili e di tutti coloro che non avevano possibilità di autonoma collocazione in strutture private.

è stato, inoltre, messo a disposizione un presidio sanitario per le persone non autosufficienti e/o ammalate.

attesa la presenza di vie di comunicazione anche importanti all’interno della “ danger zone ”, durante le operazioni di disinnesco dell’ordigno é stata attuata l’interdizione temporanea del traffico veicolare e pedonale sull’intera viabilita’ ordinaria.

tenuto conto dell’interruzione del traffico veicolare e perdonale, anche il servizio di trasporto pubblico ferroviario e stradale sono stati adeguati dai rispettivi gestori.

sulle zone di dispolettamento e di brillamento è stata, altresì, assicurata l’interdizione aerea durante l’intera durata delle rispettive operazioni.

prezioso  è risultato l’apporto dei vigli del fuoco, che ha garantito la presenza di un’autobotte con relativa squadra di emergenza antincendio e primo soccorso e dell’ausl di bologna, che ha assicurato la presenza di un’ambulanza con equipe medica a bordo ed ha provveduto a mantenere allertate le strutture ospedaliere ed i mezzi di soccorso di tipo avanzato per  eventuali necessità.

le forze di polizia territoriali, in tutte le componenti e specialità, hanno costantemente ed efficacemente assicurato, anche con ricognizioni aeree, le condizioni di massima sicurezza per la tutela dell’incolumità pubblica nella zona interessata dalla presenza del residuato bellico.

l’ordigno disinnescato e’ stato, quindi, trasportato a marzabotto, località rio carbonaro, frazione lama di setta presso la cava poma s.r.l.,  dove e’ stato fatto brillare .

la zona interessata alle operazioni di dispolettamento, precedentemente evacuata, e’ stata riaperta al traffico aereo, ferroviario, stradale - urbano ed extraurbano  - e pedonale alle ore  10.40 circa.

le operazioni si sono concluse alle ore 13.00
.
.
Pubblicato il :

 
Torna su