Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Biella

Comunicati Stampa

 

 scadenza termine presentazione domande di indennizzo per i reati intenzionali violenti, commessi dal 30/06/2005 al 23/07/2016

COMUNICATO STAMPA

Il prossimo 12 aprile scadrà il termine previsto dall'art. 6 della legge 20 novembre 2017, n. 167, ed. legge europea 2017, per presentare la domanda di indennizzo, a favore delle vittime di un reato doloso commesso con violenza, anche per i reati commessi dal 30 giugno 2005 al 23 luglio 2016 (in origine non previsti), nelle ipotesi in cui la vittima, o gli aventi causa in caso di omicidio, non abbiano conseguito il risarcimento del danno dall'autore del reato.

Per agevolare le vittime, qualora alla scadenza del temine di 120 giorni non sia ancora disponibile la documentazione richiesta (atti esecutivi, passaggio in giudicato della sentenza), le domande potranno comunque essere presentate nel termine generale di 60 giorni dall'ultimo atto esecutivo o dal passaggio in giudicato della sentenza.

L'indennizzo è elargito per la rifusione delle spese mediche e assistenziali documentate, salvo che per i fatti di violenza sessuale e di omicidio, nei quali casi l'indennizzo è comunque elargito anche in assenza di spese mediche e assistenziali.

Gli importi, fissati dal decreto interministeriale del 31 agosto 2017, pubblicato sulla G.U. 10 ottobre 2017, che ha reso operativa la legge, saranno a breve rideterminati in aumento, grazie alle nuove e maggiori risorse stanziate con la legge europea del 2017 e la legge di bilancio 2018. Tale decreto è inserito anche nel sito www.interno.gov.it . sulla pagina "Commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso e dei reati intenzionali violenti", in cui sono altresì precisati condizioni e presupposti per accedere al Fondo, nonché le informazioni relative al procedimento.

Pubblicato il 29/03/2018
Ultima modifica il 29/03/2018 alle 17:14:05

 Giornata dell'Unità Nazionale, della Costituzione, dell'Inno e della Bandiera.

Inaugurazione busto giornata unità nazionale  

In occasione della Giornata dell'Unità Nazionale, della Costituzione, dell'Inno e della Bandiera, che ricorre il 17 Marzo, presso la Prefettura di Biella si è svolta in data odierna una cerimonia nel corso della quale si è proceduto allo scoprimento di un busto scultoreo in pietra di Giuseppe Pella, insigne politico biellese, Deputato all'Assemblea Costituente, realizzato dalla scultrice Cecilia Martin Birsa.

 

Nella circostanza il Prefetto Annunziata Gallo ha ricordato che la ricorrenza viene considerata come "giornata promuovente i valori dell'identità nazionale", per una rinnovata e sempre presente consapevolezza del faticoso e sofferto percorso che ha portato all'unità nazionale prima e alla Costituzione poi, di cui quest'anno ricorrono i 70 anni dalla sua entrata in vigore.

Alla cerimonia hanno partecipato, oltre alle Autorità locali e i Parlamentari, anche una scolaresca del Liceo Scientifico "Avogadro" di Biella.

La presenza degli studenti ha testimoniato la linea di continuità tra il passato, segnato dai valori fondativi del nostro paese, e i giovani, che raccogliendo quei valori, devono andare incontro al loro futuro.

Nell'occasione, il prof. Marcello Vaudano, docente presso il Liceo Scientifico "Avogadro" ha illustrato il significato della ricorrenza del 17 Marzo e il prof. Marco Neiretti, giornalista pubblicista, ha tracciato il profilo storico e politico della figura di Giuseppe Pella, soffermandosi sul rapporto avuto dallo stesso con il territorio.

Biella, 16 marzo 2018

Pubblicato il :

 
Torna su