Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Bergamo

NOTIZIE

 

 OLOCAUSTO, riflessioni d'arte Mostra nello spazio Viterbi

Nella ricorrenza della Giornata della Memoria delle vittime dell'Olocausto che si celebra ogni anno il 27 gennaio - data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz - lo spazio Viterbi del Palazzo della Provincia di Bergamo ospiterà opere di Oliviero Passera "per raccontare con le immagini una storia da non dimenticare".

La mostra, dal titolo "Olocausto, riflessioni d'arte", verrà inaugurata giovedì 22 gennaio alle ore 17 alla presenza del presidente della Provincia Matteo Rossi, dell'artista stesso, del curatore della mostra Gianni Pesticcio e di Alberto Scanzi, presidente dell'associazione Circolo Gramsci Bergamo, che parlerà della ricerca storica pubblicata nel libro "Olocausto" di quanto avvenuto con le leggi razziali in Italia e a Bergamo, con numeri, nomi e cognomi delle vittime e dei persecutori, tra il 1937 e il 1945.

Furono storie tragiche di fughe, di persecuzioni, di morte, "con molti episodi di solidarietà da parte della popolazione, ma anche di delazione e di odio razziale", scrive Alberto Scanzi. "Gli ebrei residenti nella provincia di Bergamo erano 73. Di essi, 44 (21 uomini e 23 donne) furono deportati ad Auschwitz, a Bergen Belsen, a Buchenwald, a Dachau, a Mauthausen, e solo 3 riusciranno a sopravvivere".

I più fortunati fuggirono in tempo, come il prof. Achille Viterbi, primario del reparto oculistico dell'Ospedale Maggiore di Bergamo, che fu costretto a emigrare a Genova per poi scegliere la via dell'esilio verso gli Stati Uniti d'America, e che fu genitore di Andrea, "il padre della telefonia cellulare", al quale è intitolato lo spazio espositivo di via Tasso.

"L'Italia fascista introdusse una serie di leggi discriminatorie e persecutorie nei confronti degli ebrei che, pur modellandosi alla legislazione nazista del 1935, di fatto furono la continuazione della politica razziale e di apartheid effettuata in Libia e nelle colonie dell'Africa Orientale e s'ispirarono all'ideologia fascista dell'eliminazione dei diversi, delle minoranze, degli oppositori, per l'instaurazione di una nuova società "razzialmente” omogenea", racconta Scanzi. "L'Italia fu di fatto l'unica nazione, insieme al Sudafrica, ad applicare alle colonie una legislazione razzista e un regime di apartheid".

Una mostra particolarmente interessante "che fa rivivere emotivamente tutta la drammaticità dell'Olocausto e affronta e approfondisce i temi della storia italiana negli anni dal 1937 al 1945: dalle leggi razziali nelle Colonie, al Manifesto della razza, alla persecuzione dei diritti degli ebrei, fino all'internamento, la deportazione, l'assassinio e la ricerca della soluzione finale",  afferma il presidente della Provincia Matteo Rossi. "Al ricordo, alla cerimonia, alla commozione, deve sempre esser fatto precedere uno studio: poiché non c'è niente di più vacuo e transitorio di una celebrazione emotiva, priva di conoscenza e comprensione della storia. Senza conoscenza, la memoria non ha nessuna possibilità di sviluppo".
 
Pubblicato il :

 Giornata della Memoria delle vittime dell'Olocausto - Cerimonie organizzate dal Comune di Bergamo

Ore 10.00 – Parco delle Rimembranze della Rocca:
Posa corone d’alloro alla lapide al Parco delle Rimembranze, in ricordo degli ebrei
bergamaschi deportati nei campi di sterminio;
Omaggio alla lapide dedicata alle ceneri dei deportati dei lager, collocata presso la chiesetta di S.Eufemia.
Ore 11.00 – Stazione Ferroviaria, binario 1:
Posa corona d’alloro alla lapide in memoria dei lavoratori delle fabbriche di Sesto
San Giovanni deportati nei campi di concentramento.
Ore 11.30 – Giardino di Palazzo Frizzoni:
Momento di raccoglimento in memoria dei 20 bambini ebrei uccisi nel campo di
Neuengamme.
Pubblicato il :

 Giornata della Memoria delle vittime dell'Olocausto - Cerimonia organizzate dalla Prefettura di Bergamo

Martedì  27 Gennaio 2015 alle Ore 16.00 si terrà, presso l'Aula Magna dell’Istituto Scolastico di Istruzione Superiore “Giulio Natta”  in Via Europa n. 15 - Bergamo, la Cerimonia organizzata dalla Prefettura di Bergamo per la consegna delle medaglie d’onore ai cittadini italiani, militari e civili, deportati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra ed ai familiari dei deceduti.



Pubblicato il 21/01/2015
Ultima modifica il 05/05/2015 alle 17:04:49

 Seduta di gara relativa alla procedura di affidamento in convenzione del SERVIZIO DI ACCOGLIENZA DI CITTADINI STRANIERI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE anno 2015

AVVISO : la seduta di gara relativa alla procedura di affidamento in convenzione del SERVIZIO DI ACCOGLIENZA DI CITTADINI STRANIERI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE,di cui al Bando nr 40825/2014, si terrà in data 14 gennaio 2015 – ore 15,30 presso la sede di Via Zelasco nr 3- Bergamo- 3° piano sala riunioni.
Pubblicato il :

 
Torna su