Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Bergamo

NOTIZIE

 

 La situazione della sicurezza della Stazione Ferroviaria di Bergamo e delle zone limitrofe è stata al centro della Riunione di Coordinamento delle Forze di Polizia presieduta dal Prefetto

 

La situazione della sicurezza della Stazione Ferroviaria di Bergamo e delle zone limitrofe è stata al centro della Riunione di Coordinamento delle Forze di Polizia presieduta, in data odierna, dal Prefetto Elisabetta Margiacchi.

Nel corso dell'incontro, al quale hanno preso parte il Vice Sindaco di Bergamo, il Questore di Bergamo, il Dirigente del Compartimento della Polizia Ferroviaria di Milano, i Comandanti provinciali dell'Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Bergamo nonché i rappresentanti di Rete Ferroviaria Italiana, di F.S. Sistemi Urbani S.r.l. e di Trenord S.r.l., nel fare il punto degli interventi già realizzati per la messa in sicurezza del sedime ferroviario di Bergamo - oggetto di analisi anche in precedenti riunioni - si è convenuto sulla prosecuzione dell'attività interforze di vigilanza e controllo finalizzata anche al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti in prossimità della stazione.

I rappresentanti di Rete Ferroviaria Italiana hanno inoltre illustrato le attività attualmente in corso nelle zone limitrofe alla stazione ferroviaria:

- pulizia e messa in sicurezza delle aree adiacenti ai capannoni in disuso, che saranno resi inaccessibili;

- ripristino della barriera che impedisce l'ingresso ai parcheggi;

- riparazione e chiusura del cancello carrabile per inibire ad estranei l'accesso in ambito ferroviario.

Nel prendere atto di quanto posto in essere, si è concordato che, al fine di assicurare adeguati standard di vivibilità nella zona, verranno svolte, con maggiore periodicità, le attività di manutenzione e di pulizia dell'area dello scalo merci.

Bergamo, 19 luglio 2018



 

Pubblicato il :

 Incidentalità stradale. Anno 2017. I Dati dell'Osservatorio costituito presso la Prefettura di Bergamo.

Lo scorso 12 luglio si è riunito presso la Prefettura di Bergamo l'Osservatorio sull'incidentalità stradale, presieduto e coordinato dalla dott.ssa Patrizia Savarese, dirigente dell'Area III bis della Prefettura. Nel corso dell'incontro, al quale hanno preso parte il Dirigente della Sezione Polizia Stradale di Bergamo, Rappresentanti del Comando Provinciale dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e di alcune Polizie locali della provincia, sono stati analizzati i dati statistici inerenti agli incidenti stradali relativi all'anno 2017.

Nel corso del 2017, secondo i dati forniti dalla Polizia Stradale di Bergamo, sulla viabilità ordinaria si sono verificati 5419 incidenti stradali, dei quali : 41 mortali, 3134 con lesioni personali, 2244 con soli danni a cose. Il dato è in aumento rispetto al 2016, anno in cui si erano registrati 5393 incidenti.

Gli eventi incidentali nel 2017 sono avvenuti, per lo più, su strade comunali (3791) e nel centro abitato (4256), mentre gli incidenti mortali si sono verificati, per circa il 50%, su strade provinciali e statali, dove maggiore è la velocità dei veicoli.

Dall'analisi effettuata, è emerso che nei centri abitati, gli incidenti sono per lo più collegati a violazioni quali la mancata precedenza, il passaggio con il semaforo rosso, la non osservanza della distanza di sicurezza. Al di fuori dell'abitato, l'eccesso di velocità ed i sorpassi azzardati si confermano le principali cause di eventi incidentali, ai quali si aggiungono spesso le condizioni psicofisiche non idonee (alcol, droghe e stanchezza) e la distrazione del guidatore.

In particolare, negli ultimi anni l'uso improprio degli smartphone è diventato la principale causa di distrazione alla guida. In conformità alle Direttive ministeriali, sono stati pertanto intensificati i controlli tesi a sanzionarne l'uso improprio.

Nella consapevolezza dell'importanza di guidare senza distrazione e in condizioni psico-fisiche idonee per evitare di mettere in pericolo la propria vita e quella degli altri, i componenti dell'Osservatorio hanno concordato sulla necessità che si dia il massimo impulso alle campagne di informazione e sensibilizzazione sul tema.

Bergamo, 14 luglio 2018

Pubblicato il :

 
Torna su