Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Benevento

NOTIZIE

 

 Il Prefetto Paola Galeone all'incontro con Alberto Mieli, uno degli ultimi italiani sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti

Nel pomeriggio di lunedì 27 marzo il Prefetto Paola Galeone è intervenuta all'incontro con Alberto Mieli, uno degli ultimi italiani sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti, autore del libro Eravamo ebrei , organizzato con l'Università degli Studi del Sannio.
All'evento hanno preso parte oltre alle Autorità civili e militari, il Rettore, il Prorettore e docenti dell'Università degli Studi del Sannio, il Vice Sindaco di Benevento e un folto pubblico di giovani.
Il Prefetto ha evidenziato come la memoria del passato serva ad evitare di commettere gli stessi errori soprattutto in una società come quella attuale, in cui disagio sociale e crisi economica stanno generando frustrazione e rabbia e laddove sempre più frequenti sono gli episodi di violenza e di intolleranza.
Per i giovani rivivere le tragedie storiche, a cui fortunatamente non hanno preso parte, induce a riflettere sull'orrore e sulla sofferenza vissuti da uomini, donne e bambini e a sviluppare la propria sensibilità e, pertanto, ascoltare le testimonianze di chi è sopravvissuto è un insegnamento molto utile infondendo nelle nuove generazioni un messaggio di speranza e di incoraggiamento a non arrendersi mai nella vita.
L'autore ha richiamato alla memoria gli indimenticabili momenti in cui le SS caricavano gli ebrei sui camion, le urla delle donne che venivano brutalmente strappate ai loro figli, le "lacrime composte di chi aveva paura", l'orrore dell'arrivo ad Auschwitz e dell'odore pungente dei corpi che bruciavano nei forni crematori. 
Dopo gli interventi dei docenti universitari, che hanno sottolineato l'importanza dell'evento e della testimonianza resa, l'incontro si è concluso con un momento musicale.
 
 
Pubblicato il :

 Presentazione del Patto nazionale per un Islam Italiano

Nel pomeriggio di martedì 15 marzo il Prefetto Galeone ha tenuto in sinergia con l'Università degli Studi Giustino Fortunato e con il Comune di Benevento una Conferenza Permanente per approfondire il tema del confronto e del dialogo interreligioso, nel corso della quale è stato presentato il "Patto nazionale per un Islam Italiano, espressione di una comunità aperta, integrata e aderente ai valori e principi dell'ordinamento statale", sottoscritto con i rappresentanti delle principali organizzazioni islamiche presso il Ministero dell'Interno il 1° febbraio scorso.
All'evento hanno preso parte il Sindaco di Benevento, i vertici delle Forze dell'Ordine, il Vicario Episcopale per la Carità, docenti di diritto canonico dell'Università Giustino Fortunato e di Sacra Scrittura della Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale di Napoli, il delegato dell'Arcidiocesi di Napoli per l'Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso, il Segretario della Confederazione Islamica Italiana, l'Imam di Benevento, il Presidente Provinciale dell'Acli di Benevento, il Coordinatore della Caritas di Benevento ed un folto pubblico.
Il Prefetto ha sottolineato l'importanza dell'incontro per affrontare unitamente alle Istituzioni locali il tema del pluralismo religioso promuovendo il confronto con tutti coloro che, pur provenendo da paesi, culture, religioni e tradizioni diverse, intendono contribuire all'integrazione per garantire la pacifica convivenza sul territorio poiché l'armonia tra le religioni aiuta a costruire società migliori evitando che, sovrapponendosi motivi politici ed economici alle differenze religiose, si generino diffidenze e paure, superabili solo attraverso un dialogo costruttivo.
Il "Patto" rappresenta un utile strumento per avviare e consolidare l'attività di relazione con le associazioni e le comunità islamiche presenti in provincia, tenuto conto dell'importante ruolo di mediazione svolto dalle stesse per promuovere il dialogo interculturale e valorizzare il contributo del patrimonio spirituale della tradizione islamica alla vita della società italiana, a tutela della legalità e della sicurezza. È necessario consolidare i rapporti con la comunità islamica ma soprattutto, favorire i percorsi di integrazione degli immigrati musulmani per contrastare il pericolo dell'estremismo violento. Il rispetto dei diritti umani, a cominciare dalla libertà religiosa, è il riconoscimento della dignità della persona e conduce alla condanna della violenza perpetuata in nome della religione.
Il percorso attivato con l'Università proseguirà attraverso la programmazione di altri incontri e tavoli di approfondimento del dialogo interculturale, adottando iniziative dirette a promuovere l'ascolto, la cooperazione e il coordinamento tra gli enti pubblici e le comunità presenti sul territorio per monitorare l'andamento dei rapporti interreligiosi al fine di cogliere eventuali situazioni di sofferenza e di disagio che possono costituire ostacolo all'integrazione.
Il Segretario della Confederazione Islamica Italiana Massimo Abdallah Cozzolino ha evidenziato che per la prima volta il "Patto nazionale per un Islam Italiano" è stato presentato in un capoluogo di provincia ed ha visto la partecipazione attiva della cittadinanza oltre che delle istituzioni civili, militari e religiose.
Pubblicato il :

 Pubblicità della situazione patrimoniale dei titolari di cariche direttive di enti, istituti e società di cui all'art. 12 della Legge 441/1982

La legge 5 luglio 1982, n. 441 ha introdotto l'obbligo, anche per i titolari di cariche elettive presso enti, istituti e società di enti, di rendere nota la propria situazione patrimoniale e reddituale al fine di portarla a conoscenza dei cittadini. Il bollettino relativo all'anno 2016 (redditi 2015) è disponibile presso l'Ufficio di Gabinetto della Prefettura di Benevento. Chiunque ne abbia interesse potrà prenderne visione ed altresì, ove richiesto, estrarne copia cartacea od elettronica, nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 10.00 alle ore 12.00.
Pubblicato il :

 Prefetto Paola Galeone ha tenuto un incontro con i Sindaci ove non sono presenti strutture ricettive di alcun genere, al quale hanno partecipato il Presidente dell'Anci e la Regione Campania.

Nella mattinata odierna il Prefetto Paola Galeone ha tenuto un incontro con i Sindaci dei Comuni della Provincia ove non sono presenti strutture ricettive di alcun genere, al quale hanno partecipato il Presidente dell'Anci e la Regione Campania per sensibilizzare gli amministratori locali affinchè favoriscano una più equilibrata e sostenibile distribuzione dei migranti sul territorio, secondo gli accordi intercorsi tra l'ANCI e il Ministero dell'Interno. Il Prefetto nel corso della riunione ha sottolineato la necessità di consolidare la collaborazione interistituzionale promuovendo il coinvolgimento attivo dei Sindaci nella gestione del fenomeno per divenirne protagonisti. Sarà possibile costruire politiche concrete di inclusione rafforzando la reciproca comunicazione, attivando insieme percorsi di inserimento degli stranieri e favorendo le occasioni di scambio, confronto e conoscenza reciproca. L'ANCI ha accolto l'invito del Prefetto ad attivare in Prefettura, con l'apporto della Regione Campania, uno sportello permanente per affiancare gli Amministratori che intendono avviare le procedure per accedere ai progetti di adesione alla rete delle strutture SPRAR usufruendo dei vantaggi derivanti da tale sistema. I Sindaci intervenuti hanno sottolineato l'importante contributo già fornito all'accoglienza degli stranieri dal territorio beneventano rispetto alle altre province campane di maggiore estensione ed hanno auspicato il raggiungimento di una distribuzione più equilibrata e coerente con le dimensioni e le peculiarità delle comunità ospitanti per governare il fenomeno in modo da gestire il disagio e le difficoltà che può generare nell'impatto con le popolazioni locali.
il Prefetto Paola Galeone ha tenuto un incontro con i Sindaci dei Comuni della Provincia ove non sono presenti strutture ricettive di alcun genere, al quale hanno partecipato il Presidente dell'Anci e la Regione Campania
 
Pubblicato il :

 
Torna su