Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Benevento

NOTIZIE

 

 27 gennaio "Giorno della Memoria" - cerimonia in Prefettura

Si è svolta nel pomeriggio odierno, nel salone della Prefettura e alla presenza delle autorità ecclesiastiche, civili e militari la cerimonia per la celebrazione del Giorno della Memoria, in ricordo delle persecuzioni del popolo ebraico e dello sterminio nei campi nazisti e dei deportati  militari e civili italiani
Nell’occasione il Conservatorio ha proposto il progetto “Le Note della Memoria: la musica ‘spezzata’ della Shoah” curato dal M° Rossella Vendemia che si è esibita al pianoforte, insieme ad Aniello del Monaco al flauto, Alessandro Verrillo al clarinetto, Emanuele Procaccini al violino, Emilio Mottola al violoncello e voce recitante Angela Ilario.
In maniera particolarmente sentita  S.E. l’Arcivescovo Andrea Mugione ha richiamato l’attenzione sulla necessità che i giovani sviluppino anticorpi per respingere ogni forma di razzismo e di annientamento della ragione e dell’umana coscienza.
Il Prefetto ha, quindi, evidenziato l’importanza di questo giorno, per la nostra storia, ma soprattutto per i giovani, perché la memoria tracci un percorso nella coscienza collettiva, che insegni il ripudio dell’indifferenza e di ogni forma di estremismo, per costruire una società basata sul rispetto della dignità umana.
Il Prefetto, unitamente ai Sindaci di Benevento, Apice, Pago Veiano e San Giorgio del Sannio comuni di residenza dei familiari degli insigniti, ha consegnato agli eredi dei Signori Salvatore De Angelis, Giuseppe De Ieso, Michele De Ieso, Donato Di Palma, Giorgio Maffei, Giovanni Russo e Giuseppe Sifo, deceduti, le medaglie d’onore concesse dal Presidente della Repubblica ai cittadini deportati o internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra, nell’ultimo conflitto mondiale, ai sensi della Legge 27 dicembre 2006, n.296.
Al termine della cerimonia è stato eseguito il ben noto brano musicale “La vita è bella” di Nicola Piovani in ricordo di ciò che è stato e che, come ha sostenuto Primo Levi,  “può accadere di nuovo e dappertutto …..”.
Nell’occasione è stato anche distribuito agli ospiti il CD, contenente le musiche eseguite, che ha vinto il Premio 2012 “I giovani ricordano la Shoah”, promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in collaborazione con l’Unione delle Comunità Ebraiche, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.
La celebrazione ufficiale odierna era stata preceduta nel pomeriggio del 23 gennaio dal significativo intervento del prof. Giorgio Sacerdoti, illustre internazionalista docente presso l’Università di Bocconi di Milano e Presidente del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano.
Nel corso dell’evento svoltosi con il patrocinio della Comunità Ebraica di Napoli in Prefettura, cui ha partecipato un folto pubblico, fra cui gli studenti dei licei cittadini, il prof. Giorgio Sacerdoti ha ripercorso, attraverso il ricco epistolario pubblicato nel libro “Nel caso non ci rivedessimo”, le vicende delle famiglie, entrambe ebree, dei genitori, quella del padre di cittadinanza italiana e quella della madre di nazionalità tedesca, inquadrandole nelle tappe storiche del periodo 1938-45.

Pubblicato il :

 Sottoscrizione del nuovo Protocollo d'intesa per favorire gli accordi di integrazione

Nella mattinata odierna, presso il Palazzo del Governo , è stato sottoscritto dal Prefetto di Benevento, Paola Galeone e dal Direttore dell’Ufficio Scolastico Provinciale, Angelo Francesco Marcucci, il nuovo protocollo d’intesa finalizzato a favorire gli accordi di integrazione che i cittadini stranieri che entrano in Italia per la prima volta devono stipulare presso lo Sportello Unico per l’Immigrazione, in attuazione dell’accordo quadro tra il Ministero dell’Interno e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Scientifica.

Nell’ambito della rinnovata collaborazione che, da alcuni anni, vede impegnati la Prefettura e l’Ufficio Scolastico nell’attività di formazione diretta a favorire l’integrazione sul territorio dei cittadini extracomunitari, il protocollo ha la finalità di assicurare lo svolgimento delle sessioni di formazione civica e di informazione in favore dei predetti stranieri.

Come sede di Centro Territoriale Permanente è stato individuato l’Istituto Statale Comprensivo “ G.B. Bosco Lucarelli” di Benevento , sito in via Gioberti n.17, presso il quale saranno tenute le sessioni di formazione civica e di informazione.

Gli stranieri che faranno ingresso in Italia, una volta sottoscritto l’accordo d’integrazione, potranno  svolgere la formazione civica presso il suddetto Istituto e, partecipando ai corsi, potranno conseguire, attraverso un partecipato processo di inclusione sociale, l’obiettivo della conservazione del permesso di soggiorno.

Pubblicato il :

 Episodi criminosi nel territorio di Paduli - Riunione del Comitato Provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica

Il Prefetto Galeone ha presieduto nella mattinata odierna una riunione del Comitato  Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica, convocato in relazione ai recenti episodi di furti e rapina in abitazioni registrati nel territorio di Paduli e a seguito dei quali numerosi cittadini hanno sottoscritto un’istanza per il potenziamento dei sistemi di difesa passiva.

Hanno partecipato alla seduta il Questore, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato, il Comandante della Compagnia CC. di Benevento ed il Commissario Straordinario di Paduli, dr.ssa Laura Mammetti.

Il Commissario, nel riferire che i cittadini hanno espresso viva preoccupazione per gli episodi criminosi, ha manifestato  l’intendimento di implementare gli impianti di videosorveglianza del Comune ai fini di prevenzione e contrasto dei reati predatori che destano maggiore allarme sociale.

Il Comandante Provinciale dei Carabinieri, pur evidenziando che il numero dei furti su base annuale risulta pressoché costante,  ha comunicato di aver disposto l’intensificazione della vigilanza del territorio con l’intervento dei Reparti speciali e  anche con eventuali servizi di saldatura da svolgere con il Comando Provinciale Carabinieri di Avellino.

Il Questore ha assicurato il concorso della Polizia di Stato che sarà garantito attraverso l’impiego di pattuglie del Reparto Prevenzione Crimini “Campania”.

Il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza proseguirà con i consueti moduli operativi  mentre il Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato effettuerà ulteriori interventi  con il supporto del NIPAF.

Il Prefetto, considerata l’adeguatezza delle attività programmate,  ha concluso esortando il Commissario a sensibilizzare la popolazione, nell’ottica della valorizzazione del principio di sicurezza partecipata,  sulla necessità che, specie nelle abitazioni isolate e conseguentemente più esposte, siano installate idonee misure di sicurezza passiva,  valutando favorevolmente la circostanza che il Comune intende procedere al reperimento di fondi per attivare impianti di videosorveglianza in punti strategici del territorio.

 
Pubblicato il :

 Scomparsa sig. Raffaele Pacelli - tavolo in Prefettura

In relazione alla scomparsa del sig. Raffaele Pacelli, nella mattinata odierna si  è tenuta in Prefettura una riunione presieduta dal Capo di Gabinetto,  Maturi, e dal Dirigente della Protezione Civile,  De Feo, cui hanno partecipato la Dirigente del Commissariato di Telese Terme, Consales, il Vice Comandante dei Vigili del Fuoco, Vassallo, il Capitano Zerella, Comandante della Compagnia Carabinieri di Cerreto Sannita, il Maresciallo Sabino della Stazione di San Salvatore Telesino, il Commissario Capo Chiumiento del Comando Provinciale Corpo Forestale dello Stato, il dr. Landinetti della Protezione Civile Regionale e, per il Comune di San Salvatore Telesino, l’Assessore Votto e il Vice Comandante della Polizia Municipale Pacelli.

Nella riunione è stato fatto  il punto delle attività di ricerca del Pacelli avviate fin dal giorno 30 dicembre, nell’immediatezza della segnalazione di allontanamento e prima ancora  che la moglie Anna Campanile presentasse formale denuncia presso il Commissariato di Telese Terme.

Al riguardo si è preso atto che, non appena ricevuta la denuncia  nel tardo pomeriggio del 30 dicembre, il Commissariato   ha provveduto all’inserimento delle informazioni  nel Sistema integrato Interforze “Ricerca scomparsi”, accessibile su tutto il territorio nazionale alle Forze dell’ordine e in particolare anche alle pattuglie operanti su strada.

Nella mattinata del successivo giorno 31 le squadre dei Vigili del Fuoco, composte da TAS e unità cinofile, hanno esplorato l’agro di Monte Pugliano, fra i comuni  di Telese Terme e San Salvatore Telesino, mentre l’Unità Operativa di Protezione Civile della Regione Campania ha perlustrato nel raggio di 1 km l’area interessata, con l’ausilio dei cani da scovo in dotazione e coadiuvata anche da appartenenti al Soccorso Alpino.

Volontari delle Associazioni locali di  Protezione Civile hanno integrato l’ispezione dell’intero bacino costituito da un’area operativa di 15 ettari avvalendosi della mappatura delle zone battute sviluppata dai Vigili del Fuoco che per il coordinamento delle operazioni ha collocato nell’area antistante lo Stadio di Telese “un’unità mobile autosufficiente specializzata”. Cinque unità sommozzatori dei Vigili del Fuoco, provenienti da Napoli, hanno ispezionato un invaso artificiale, di proprietà del Corpo Forestale dello Stato situato all’interno dell’agro Monte Pugliano.

L’attività di ricerca, intensamente  effettuata con tutte le forze disponibili e nonostante le avverse condizioni meteo della settimana scorsa, è stata valutata positivamente ma, non avendo dato immediato utile risultato, si è  concordato di proseguire le azioni di polizia giudiziaria e di  reindirizzare ulteriori interventi  alla luce del riscontro delle segnalazioni di eventuali ulteriori avvistamenti, razionalizzando e ottimizzando l’impiego delle risorse di uomini e mezzi.

Si è convenuto, pertanto, che qualora dovessero emergere elementi nuovi o intervenire segnalazioni che facciano individuare altri e diversi scenari di ricerca si procederà a riattivare l’intervento di tutti i soggetti già coinvolti nelle operazioni finora svolte.
Pubblicato il :

 
Torna su