Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Barletta Andria Trani

NOTIZIE

 

 FIRMATI IN PREFETTURA I 10 PATTI DI SICUREZZA URBANA

Conferenza Prefetto Intervista Prefetto Sindaci
Dieci Patti per la Sicurezza con gli altrettanti Comuni della provincia sono stati sottoscritti questo pomeriggio tra il Prefetto di Barletta Andria Trani, Maria Antonietta Cerniglia, ed i Sindaci dei Comuni di Barletta, Andria, Trani, Bisceglie, Canosa di Puglia, Minervino Murge, Spinazzola, Margherita di Savoia, San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli.

La stipula degli accordi, previsti dal decreto legge 14/2017 in materia di sicurezza urbana, convertito dalla legge n.48 del 18 aprile 2017,  rappresenta per i Comuni una fase propedeutica alla presentazione, entro il 30 giugno, di richieste di accesso ai finanziamenti statali stanziati per la realizzazione di sistemi di videosorveglianza in ambito urbano.

Tra gli obiettivi prioritari dei Patti, dunque, la prevenzione ed il contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria attraverso l'installazione di sistemi di videosorveglianza e la promozione del rispetto del decoro urbano, per i quali il Ministero dell'Interno ha stanziato una spesa complessiva di 37 milioni di euro nel triennio 2017/2019.

Firma Patto Barletta Firma Patto Andria Firma Trani
La Prefettura ed i Comuni, nel rispetto delle reciproche competenze, adotteranno strategie congiunte volte a migliorare la percezione di sicurezza dei cittadini ed a contrastare ogni forma di illegalità, favorendo così l'impiego delle Forze di Polizia.

I progetti, anche integrati dei sistemi di videosorveglianza, elaborati nel rispetto delle disposizioni dell'Autorità Garante per il trattamento dei dati personali, saranno oggetto di valutazione da parte del Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica per le modalità di impiego ed ogni aspetto tecnico-operativo.

Presso la Prefettura di Barletta sarà costituita una cabina di regia, composta dai rappresentanti delle Forze di Polizia e della Polizia Locale, con il compito di monitorare lo stato di attuazione dei Patti, con cadenza semestrale. 

 

"Ringrazio i dieci Comuni della provincia per la lungimirante disponibilità a promuovere una edificante sinergia istituzionale, condividendo unanimemente questa iniziativa, grazie alla quale sarà possibile operare miratamente per il mantenimento delle condizioni di sicurezza, nell'ottica di elevare la qualità della vita sul territorio provinciale - ha dichiarato il Prefetto di Barletta Andria Trani Maria Antonietta Cerniglia -. Svolgeremo ora un'approfondita istruttoria delle richieste pervenute ed entro il 31 agosto procederemo all'inoltro al Ministero che redigerà una graduatoria a carattere nazionale".

 

            Barletta, 22 giugno 2018

Pubblicato il :

 ACTION DAY CONTRO I FURTI DI METALLO

Il 30 maggio scorso, in Italia, Belgio, Bulgaria, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Portogallo, Romania, Spagna e Regno Unito, si è svolta un'operazione di polizia congiunta contro il fenomeno dei furti di metallo, in particolare del rame.

Si tratta di una massiva azione operativa che si pone in linea con le conclusioni maturate nel "Workshop internazionale sul fenomeno dei furti di metallo/rame", tenutosi a Roma presso la Direzione Centrale della Polizia Criminale.

Dai risultati complessivi conseguiti a livello europeo, emerge che sono state controllate 54.846 persone, 42.237 veicoli, 7.986 gestori ambientali, 589 aree di confine, 2.572 altri hot spot (tra cui porti e siti di trasporto su rotaia, siti di infrastrutture elettriche e di telecomunicazione nelle numerose aree doganali).

L'attività ha permesso di trarre in arresto 117 persone ed altre 1.331 sono state denunciate in stato di libertà; sono stati, altresì, scoperti 1.659 reati e contestate 2.763 violazioni amministrative.

Sono stati sequestrati 357.874 kg di metalli dal controvalore totale stimato di euro 889.674 circa (di cui 92.982 km di rame, per un valore stimato di circa 539.299 euro), 983 pannelli solari e 140 veicoli.

In particolare, solo in Italia hanno preso parte all'action day 10.427 operatori (suddivisi in circa 5.200 pattuglie) della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza nonché 100 funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Sono state controllate circa 25.000 persone, 16.730 veicoli, 2.015 gestori ambientali, migliaia di obiettivi ritenuti "sensibili" (461 aree di confine, 542 porti e scali delle Ferrovie dello Stato Italiane S.p.a., 712 altri hot spot riconducibili anche a infrastrutture gestite da società elettriche e di telecomunicazioni tra le quali Enel, Telecom Italia, Vodafone Italia e Wind-Tre) e 30 spedizioni doganali internazionali (che hanno interessato oltre 1.050.000 kg tra rottami e cascame di rame, ferro, acciaio, ottone e zinco).

Nel complesso, nel nostro Paese sono state tratte in arresto 24 persone e altre 150 sono state denunciate in stato di libertà; sono stati scoperti 212 reati (33 furti, 54 ricettazioni, 106 crimini ambientali e 19 altri reati) e sono state contestate 232 violazioni amministrative (ambientali, fiscali, violazione al codice della strada etc). Sono, inoltre, stati sequestrati circa 270.461 kg di metalli dal controvalore totale di 449.690 euro circa di cui 70.673 kg di rame, per un valore di circa 409.906 euro), 983 pannelli solari e 103 veicoli.

Per maggiori approfondimenti sul fenomeno dei furti di rame in Italia e sull'attività dell'Osservatorio nazionale Furti di Rame, istituito presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, si rinvia al seguente link:


 

            Barletta, 21 giugno 2018

Pubblicato il :

 VENERDI' IN PREFETTURA LA FIRMA DEI PATTI DI SICUREZZA

Domani, venerdì 22 giugno alle ore 17.00, presso la sede del Palazzo del Governo in Barletta, il Prefetto di Barletta Andria Trani, Maria Antonietta Cerniglia ed i Sindaci dei Comuni della provincia sottoscriveranno i "Patti per l'attuazione della sicurezza urbana e installazione di sistemi di videosorveglianza", alla presenza dei rappresentanti delle Forze di Polizia di Bari e Foggia.

Al termine della sottoscrizione saranno illustrate alla stampa le finalità dell'iniziativa per la promozione e l'implementazione della sicurezza urbana sul territorio.

 

Barletta, 21 giugno 2018

Pubblicato il :

 COMUNICAZIONE ALLA STAMPA - ELEZIONI AMMINISTRATIVE DOMENICA 10 GIUGNO

In occasione delle prossime consultazioni elettorali del 10 giugno 2018, si comunica che al piano terra della Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo sarà allestita la Sala Stampa riservata ai giornalisti, attiva nella stessa giornata di domenica 10 giugno dalle ore 24.00 fino al termine delle operazioni elettorali.

Per eventuali informazioni o esigenze sarà possibile rivolgersi al referente Ufficio Stampa Enrico Aiello (tel.: 0883.539451 - mail: enrico.aiello(at)interno.it).

           

Barletta, 8 giugno 2018

 

 

Pubblicato il :

 ACCOGLIENZA MIGRANTI, IL PREFETTO INCONTRA I SINDACI DELLA PROVINCIA

Il Prefetto di Barletta Andria Trani, Maria Antonietta Cerniglia, ha riunito in data odierna i Sindaci della provincia per fare il punto della situazione sul sistema di accoglienza dei cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, all'esito della procedura di gara per l'attivazione delle strutture sul territorio.

Il Prefetto ha stigmatizzato l'assenza di taluni Sindaci, in considerazione della valenza strategica della riunione tesa a condividere in maniera sinergica la metodologia di approccio ad una tematica rilevante per il territorio.

Al riguardo ha ringraziato in modo particolare per la sensibilità ed i contributi offerti i Sindaci di San Ferdinando di Puglia e Spinazzola oltre che i Commissari Straordinari di Barletta e Margherita di Savoia.

La riunione ha riguardato in particolare l'importanza del rispetto del "Piano Anci" che, in conformità alle specifiche intese assunte a livello nazionale, ha dettato criteri di presenza dei cittadini extracomunitari correlati al numero di abitanti per comune, a tutela delle comunità locali, anche con riferimento alla cd. clausola di salvaguardia, parimenti voluta dall'Anci, in base alla quale la quota di posti assegnata al singolo comune deve essere computata al netto (ossia tenendo conto) delle eventuali iniziative Sprar avviate in ciascun comune.     

Invero, nel corso della riunione il Prefetto ha sottolineato come prevalenti nel settore in argomento debbano essere comunque gli aspetti umanitari, in un contesto storico-sociale-ordinamentale in evoluzione, risultando pertanto non comprensibile che, a fronte di un bando di gara ad evidenza pubblica chiaro ed intellegibile, alcune società partecipanti alla procedura non abbiano tenuto conto nella propria offerta di detti parametri.

Nel corso della riunione è stata altresì ribadita l'importanza dei controlli ispettivi nei Centri di Accoglienza Straordinaria presenti sul territorio, che saranno intensificati sotto un duplice profilo: la verifica della corretta prestazione dei servizi e delle forniture e la verifica dei requisiti delle strutture dichiarate in sede di gara. A tal proposito, il Prefetto ha sottolineato come siano già al lavoro i nuclei ispettivi all'uopo istituiti.

Per opportuna conoscenza, si comunica, altresì, che all'esito della procedura di gara di cui all'avviso pubblico n. 1875 del 01.02.2018, per l'affidamento del servizio di accoglienza ed assistenza in favore di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, in questa provincia risultano attualmente ospitati circa 890 richiedenti protezione internazionale, suddivisi in 23 centri di accoglienza straordinaria (attivati nei comuni di Barletta, Andria, Trani, Bisceglie, Canosa di Puglia, Spinazzola e San Ferdinando di Puglia), nel rispetto della quota Anci (2,5 migranti ogni mille abitanti).

Pubblicato il :

 COME DESTINARE IL 5 PER MILLE AL FONDO EDIFICI DI CULTO

Lo scorso 1° maggio il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha inserito il Fondo Edifici di Culto (F.E.C.) fra i soggetti ammessi al beneficio del 5 per mille dell'Irpef destinato, a scelta del contribuente, al finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali ed ambientali.

Il Fondo, istituito dalla Legge 20 maggio 1985, n. 222, ha come finalità la conservazione, il restauro e la tutela del proprio patrimonio, costituito principalmente da edifici di culto di grandissimo pregio storico, artistico, religioso e culturale e dalle opere d'arte ivi custodite.

Al patrimonio del Fondo Edifici di Culto appartengono oltre 820 edifici sacri in tutta Italia. Negli ultimi cinque anni sono stati finanziati interventi di manutenzione e restauro per oltre 30 milioni di euro, grazie ai proventi derivanti dalla gestione del patrimonio fruttifero e con il contributo annuale dello Stato attualmente pari ad euro 1.679.723,00 annui.

Da oggi, grazie alla possibilità di donare a favore del FEC il 5 per mille Irpef, potranno essere implementate ulteriori attività di restauro: ogni cittadino potrà, quindi, attraverso la sua scelta, contribuire a tutelare il patrimonio affidato alla cura del FEC, a protezione della nostra storia e cultura.

La destinazione del 5 per mille in favore del FEC può essere effettuata mediante compilazione dell'apposito riquadro nella dichiarazione dei redditi denominato "SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL 5 PER MILLE IRPEF" firmando il riquadro relativo al FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI TUTELA, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI (SOGGETTI DI CUI ALL'ARTICOLO 2, COMMA 2, DEL D.P.C.M. 28 LUGLIO 2016) ed apponendo il codice fiscale 97051910582

 

Barletta, 07 giugno 2018

Pubblicato il :

 INCENDI BOSCHIVI, RIUNIONE IN PREFETTURA IN VISTA DELL'IMMINENTE STAGIONE ESTIVA

Riunione incendi boschivi Riunione incendi boschivi 2
Si è svolta questa mattina presso la Sala Multirischi di Protezione Civile della Prefettura di Barletta Andria Trani una riunione tecnico-operativa per esaminare congiuntamente le attività di prevenzione e di contrasto agli incendi boschivi e di interfaccia da promuovere nell'imminente stagione estiva.

All'incontro, presieduto dal Prefetto Maria Antonietta Cerniglia, hanno partecipato il Presidente del Tribunale di Trani, Antonio De Luce, il Procuratore Aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Trani Achille Bianchi, il Presidente del Comitato Regionale Permanente di Protezione Civile della Regione Puglia, Ruggiero Mennea, i rappresentanti delle Forze di Polizia e dei Vigili del Fuoco di Bari e Foggia, della Capitaneria di Porto di Barletta, della Provincia e dei Comuni, di Anas, Enel, Autostrade, Ferrotramviaria, Rete Ferroviaria Italiana, Confagricoltura e Coldiretti.

Nell'occasione sono state definite le strategie di intervento per prevenire e contrastare gli incendi boschivi e di interfaccia, non solo sotto il profilo della salvaguardia della pubblica incolumità, ma anche in un'ottica di tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica, auspicando la piena sinergia operativa da parte di tutti i soggetti a vario titolo coinvolti, che dovranno altresì assicurare un costante flusso informativo.

Incendi boschivi 3 Riunione incendi boschivi 4
In vista dell'imminente stagione estiva, saranno rafforzate le attività di ricognizione, sorveglianza, avvistamento ed allarme, nonché quelle di spegnimento, con la Regione Puglia che curerà la diffusione di Bollettini di previsione alla cittadinanza ed ai gestori di servizi pubblici, in particolare della viabilità e delle reti energetiche; sempre in un'ottica di sensibilizzazione e prevenzione, si cercherà di favorire progetti di valore educativo e sociale per la promozione della cultura della protezione civile, anche con il coinvolgimento di associazioni di categoria che operino in ambiente rurale e forestale.

Il Prefetto ha inoltre voluto richiamare l'attenzione dei Sindaci rispetto alla necessità di aggiornare le pianificazioni comunali in materia di protezione civile e di adottare ordinanze tese a garantire la pulizia delle zone incolte, monitorando e vigilando le aree a rischio ed aggiornando costantemente il catasto delle aree percorse dal fuoco, mentre le Forze di Polizia intensificheranno le attività di vigilanza e controllo sull'intero territorio; fondamentale, in tal senso, sarà il ruolo del Gruppo Carabinieri Forestale cui spetta, secondo le recenti novità normative, il rilievo e la perimetrazione delle aree percorse a fuoco, la prevenzione ed il controllo del territorio, l'acquisizione della segnalazione di incendi e le attività investigative d'intesa con le Procure.

Emersa, inoltre, la necessità che gli enti proprietari provvedano alle operazioni di pulizia delle strade e che i cittadini osservino scrupolosamente le opportune norme comportamentali sia in fase di prevenzione, evitando azioni che possano causare incendi, sia in fase di conclamata emergenza.

Il Prefetto Cerniglia ha infine apprezzato lo spirito collaborativo e gli spunti propositivi emersi nel corso della riunione, ritenendoli di fondamentale importanza per affrontare al meglio una problematica particolarmente delicata per il territorio.

 

Barletta, 07 giugno 2018

Pubblicato il :

 ACTION DAY CONTRO I FURTI DI METALLO: UN'AZIONE COORDINATA IN 12 STATI MEMBRI DELL'UNIONE EUROPEA

Il 30 maggio 2018 si è svolto anche nel territorio della provincia di Barletta Andria Trani l'action day contro i furti di metallo, durante il quale le Forze di Polizia e personale dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno operato sinergicamente, in virtù del coordinamento, a livello locale, dell'Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza, per contrastare in maniera strutturata questo fenomeno criminale.

L'iniziativa, organizzata e coordinata, a livello nazionale, dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale, è stata svolta, contestualmente, in Italia ed in altri 11 Paesi dell'Unione Europea (Belgio, Bulgaria, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Polonio, Portogallo, Romania, Spagna e Regno Unito).

L'attività operativa è un chiaro monito per i criminali dediti al furto di metallo, in particolare del rame, e per alcuni operatori del settore che si imbattono, talvolta incautamente, in acquisti di metalli di dubbia provenienza.

L'operazione è stata proposta dall'Italia nell'ambito della Piattaforma multidisciplinare europea contro le minacce criminali ed ha visto il coinvolgimento dell'Agenzia dell'Unione Europea per la formazione delle autorità di contrasto (Cepol).

Le Forze dell'Ordine hanno effettuato controlli su tutto il nostro territorio presso i commercianti di rottami, nei cantieri, lungo le strade di frontiera e le linee ferroviarie. Sono stati controllati anche numerosi soggetti sospettati di ricettazione.

Durante l'action day sono stati effettuati dalle Forze di Polizia controlli incrociati in tempo reale con le banche dati di Europol. Il riscontro investigativo rileva che il metallo rubato è spesso trasportato attraverso diversi confini e venduto come rottame, lontano dalla scena del crimine.     

In Italia hanno preso parte 10.427 operatori (suddivisi in 5.200 pattuglie) della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Dai risultati, ancora parziali, emerge che sono state controllate più di 25.000 persone e circa 2.000 aziende perlopiù operanti nel settore del riciclo dei metalli. Sono stati effettuati, inoltre, rilevanti sequestri di rame e di altri metalli (alluminio, ottone, ferro/acciaio, ecc.) di illecita provenienza e di veicoli utilizzati per trasportare il materiale.

Inoltre, circa 100 funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno eseguito, presso diversi uffici doganali portuali e terrestri, 30 controlli sulle spedizioni internazionali che hanno interessato oltre 1.050.000 kg tra rottami e cascame di rame, ferro, acciaio, ottone e zinco.

I risultati complessivamente conseguiti dall'Italia e dagli altri 11 Stati europei saranno comunicati, non appena terminato il vaglio delle singole posizioni, con una successiva nota stampa.

Per maggiori approfondimenti sul fenomeno dei furti di rame in Italia e sull'attività dell'Osservatorio nazionale Furti di Rame, istituito presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, si rinvia al seguente link:


 

Barletta, 06 giugno 2018

Pubblicato il :

 CELEBRATA AD ANDRIA LA FESTA DELLA REPUBBLICA

Arrivo Deposizione Corona Picchetto Panoramica
Si è svolta quest'oggi, alla presenza delle autorità civili e militari del territorio, presso il Monumento ai Caduti nel Parco IV Novembre ad Andria, la cerimonia per il 72° anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana, organizzata dalla Prefettura di Barletta Andria Trani con la collaborazione del Comune di Andria.

La cerimonia si è aperta con la deposizione delle corone, da parte del Prefetto di Barletta Andria Trani, Maria Antonietta Cerniglia, e del Sindaco di Andria, Nicola Giorgino, al monumento ai caduti, cui hanno fatto seguito la celebrazione eucaristica officiata dal Vicario Vescovile Don Giovanni Massaro, la lettura, da parte del Prefetto, del messaggio inviato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed il saluto del Sindaco di Andria.

A margine della cerimonia, il Prefetto Cerniglia, assieme alle autorità intervenute, ha consegnato le distinzioni onorifiche dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana e le medaglie d'onore per i cittadini, militari o civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra nell'ultimo conflitto mondiale.

Intervento prefetto Pubblico Saluto Sindaco Silenzio
           

            Di seguito l'elenco degli insigniti.

 

  • - Medaglia d'Onore alla memoria di Giuseppe Capuano (Barletta), deportato dal settembre del 1943 fino al 1945, consegnata al figlio Antonio Capuano
  • - Medaglia d'Onore alla memoria di Michele Scardigno (Barletta), deportato dal novembre del 1943 al maggio del 1945, consegnata al figlio Ruggiero Scardigno
  • - Medaglia d'Onore al sig. Giuseppe Sforza (Barletta), deportato dal settembre del 1943 all'aprile del 1945, consegnata alla figlia Maria Sterpeta Sforza
 

  • - Onorificenza di Commendatore al Merito della Repubblica Italiana al Maresciallo Aiutante Aiutante della Guardia di Finanza Dott. Marco Grassi (Andria)
  • - Onorificenza di Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana al Dott. Savino Filannino (Barletta), Comandante del Corpo della Polizia Municipale di Barletta
  • - Onorificenza di Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana al sig. Domenico Sforza (Barletta), dipendente del Comune di Barletta
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al sig. Michele Ciniero (Barletta), titolare agenzia di comunicazione e Presidente della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, sezione provinciale di Barletta Andria Trani
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al sig. Gianluca Coratella (Andria), commerciante
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al dott. Antonio Corvasce (Barletta), Sostituto Commissario Coordinatore della Polizia di Stato
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al rag. Nicola D'Agnelli (Canosa di Puglia), funzionario contabile della Casa Circondariale di Foggia
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al Maresciallo Capo della Guardia di Finanza in congedo sig. Vincenzo Nazario D'Amato (Trani)
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al Luogotenente Carica Speciale dell'Arma dei Carabinieri Vincenzo Del Vento (Canosa di Puglia)
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana alla sig.ra Rosaria Di Muro (Canosa di Puglia), operatore sociale dell'Associazione Fratres Donatori di Sangue di Canosa di Puglia
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al Maresciallo Capo della Guardia di Finanza Dott. Raffaele Di Santo (Barletta)
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al Luogotenente della Guardia di Finanza in quiescienza Sig. Savino Dibenedetto (Barletta)
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al sig. Nicola Giuliani (Andria), scrittore
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana all'Avv. Lorenzo Ieva (Andria), Dirigente I.N.A.I.L.
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al Tenente Colonnello della Guardia di Finanza Dott. Benedetto Labianca (Barletta)
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al Dott. Francesco Paolo Maffei (Barletta), Coordinatore infermieristico del 118 A.S.L. Barletta Andria Trani
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al Sig. Savino Maffei (Barletta), imprenditore
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al Vice Brigadiere della Guardia di Finanza Mauro Pedone (Bisceglie)
  • - Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana al Luogotenente della Guardia di Finanza Sergio Valente (Bisceglie)
 

  • - Autorizzazione a fregiarsi dell'Onorificenza Pontificia di Cavaliere dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro al Capitano della Compagnia dei Carabinieri di Andria Marcello Savastano (Andria)
 Barletta, 02 giugno 2018

 
Pubblicato il :

 
Torna su