Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Bari

Rinnovo di decreto di nomina a G.P.G. e licenza di porto di pistola

  Chi può fare la richiesta
Il datore di lavoro della guardia particolare giurata che svolge servizio armato.
Cosa fare
Il datore di lavoro deve presentare istanza in bollo, firmata per accettazione anche dalla guardia, con la quale si chiede il rinnovo contestuale del decreto di nomina a guardia particolare giurata e della licenza di porto di pistola a tassa ridotta.
La domanda deve essere presentata 90 giorni prima della scadenza.
La licenza può essere ritirata presso dovrà essere ritirato in Prefettura da un delegato del datore di lavoro.
Documentazione richiesta
  1. modello di domanda firmata dal datore di lavoro, controfirmata per accettazione dall'interessato (modello D);
  2. copia dei titoli scaduti da consegnare in originale 30 giorni dopo l'invio della richiesta ;
  3. autocertificazione del datore di lavoro attestante la permanenza dell'iscrizione della guardia agli enti I.N.P.S. e I.N.A.I.L.;
  4. copia della carta d'identità in corso di validità;
  5. certificato sanitario in bollo da € 16,00 relativo alle condizioni psico-fisiche, uditive e visive del richiedente rilasciato ai sensi dell'art. 12 c. 3 del D. Lgs. n. 104 del 10/08/2018 "....oltreché dai settori medico-legali delle A.S.L. e dalle strutture sanitarie militari e della Polizia di Stato, anche da singoli medici della Polizia di Stato, dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, nonché dai medici militari in servizio permanente ed in attività di servizio", completo di certificato anamnestico rilasciato dal medico di fiducia; 
  6. certificato di idoneità al maneggio delle armi rilasciato da una sezione di Tiro a Segno Nazionale;
  7. ricevuta del versamento di € 7,75 sul conto corrente postale n. 8003 (tassa di concessione governativa - tassa ridotta)
  8. autocertificazione di residenza e stato di famiglia resa ai sensi dell' art. 46 del D.P.R. 445/2000.
 
 
 
Riferimenti normativi
  • Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, articoli 133 e seguenti);
  • Regolamento di esecuzione del Testo Unico (Regio Decreto 6.5.1940 n. 635, articolo 249 e seguenti).

Data pubblicazione il 07/03/2013
Ultima modifica il 09/03/2020 alle 10:52

 
Torna su