Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Avellino

NOTIZIE

 

 “IL VICE MINISTRO ALL’INTERNO On. BUBBICO INAUGURA A QUINDICI IL CANTIERE DEL MAGLIFICIO “CENTO QUINDICI PASSI” NELLA VILLA CONFISCATA e IN PREFETTURA CONSEGNA LE ONORIFICENZE”

 
 Una cerimonia molto significativa si è svolta oggi a Quindici, alla presenza del Vice Ministro all’Interno On. Filippo Bubbico, per siglare l’ inizio dei lavori che trasformeranno la villa confiscata al clan Graziano in un maglificio, primo esempio a livello nazionale di un bene confiscato che diventa un impianto produttivo di tipo industriale.

Il progetto, che era stato presentato lo scorso  aprile  dal Prefetto Carlo Sessa  quale unico esempio in Irpinia di riutilizzo ad uso sociale di un bene confiscato,è il frutto della sinergia tra l’Associazione “Libera”, il Comune di Quindici , la Fondazione “Con il Sud” che ogni anno premia le migliori progettualità di riconversione ad uso sociale di beni sottratti alla criminalità organizzata e la Cooperativa “Oasi Project” ,che si occuperà operativamente della gestione della struttura produttiva ed è stato redatto nell’ ambito del Programma Operativo Nazionale Le(G)ali al Sud con  il coinvolgimento dell’Istituto Tecnico per Geometri di Avellino “Oscar D’Agostino”.

Numerose le autorità civili e militari presenti tra cui il  magistrato che ha condotto fino al 2008 importanti indagini contro i clan di Quindici  Maria Antonietta Troncone, Il Vescovo di Nola, il Presidente della Commissione Regionale Beni Confiscati e Ecomafie  Amato,  il Questore Ficarra, il Comandante provinciale dei Carabinieri Adinolfi, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza Catalano e il sindaco di Quindici  Santaniello.

L’ iniziativa, ha sottolineato il Prefetto Carlo Sessa, “ rappresenta un valido e significativo esempio di attuazione concreta degli obiettivi posti dalla legislazione in materia di riutilizzo ad uso sociale dei beni confiscati, risultato reso possibile grazie alla sinergia tra Istituzioni e all’ azione incisiva e appassionata sul rispetto dei temi della legalità  promossa da “Libera ”.

E’ stato evidenziato altresì  l’ importante ruolo svolto dai giovani studenti e il significato della loro partecipazione come affermazione della cultura della legalità e di speranza per un futuro migliore che consenta  loro di trovare, anche grazie a tali iniziative, occasioni nuove di sviluppo socio economico nel proprio territorio .

Il Progetto infatti, ha ricordato il referente di “Libera”, prevede la prossima selezione di  giovani che lavoreranno all’ interno del maglificio.

Il Vice Ministro On. Bubbico ha sottolineato che “ ….. siamo in presenza di un lavoro che parte da lontano e dall’impegno delle forze di polizia e della magistratura che hanno reso possibile tutto questo. La confisca di un patrimonio accumulato attraverso l’attività illecita della camorra costituisce il successo della legalità e dello Stato. Ma le mafie sono ancora, specie nel Sud, un peso grave e insopportabile che brucia lo sviluppo dei territori. Siamo chiamati a testimoniare la promozione della cultura della legalità: lo Stato e la magistratura devono essere attenti e fare meglio la propria parte, noi dall’altra dobbiamo far crescere la cultura per il rispetto delle regole e della legalità. Dobbiamo chiedere maggior protagonismo da parte di tutti per la legalità, per convincerci che agire legalmente conviene oltre che rappresenta un valore etico civile e democratico per tutti noi. La bellezza di questi luoghi stride con la violenza delle organizzazioni criminali. Dobbiamo essere capaci di restituire non solo alla bellezza paesaggistica e naturale di questi luoghi ma anche una bellezza che possa essere misurata sulla qualità sociale”.

Successivamente in Prefettura, nel corso di una sentita e partecipata cerimonia, svoltasi alla presenza di numerosi Sindaci dei Comuni della provincia, di alcuni parlamentari, del Procuratore della Repubblica di Avellino,  dei vertici provinciali delle Forze dell’ Ordine, il  Vice Ministro On. Bubbico ed  il Prefetto Carlo Sessa hanno consegnato 22 Diplomi dell’ “Ordine al Merito della Repubblica Italiana” che il Presidente della Repubblica ha conferito a cittadini di questa Provincia che si sono particolarmente distinti e 7 Medaglie d’onore a cittadini irpini, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra ed ai familiari dei deceduti.

                                                                                                

Avellino, 30 maggio 20 14
Pubblicato il 30/05/2014
Ultima modifica il 30/05/2014 alle 16:47:27

 ELENCO INSIGNITI MEDAGLIE D'ONORE E "O.M.R.I."

 
CONSEGNA MEDAGLIE D’ONORE
AI CITTADINI ITALIANI, MILITARI E CIVILI, DEPORTATI ED INTERNATI NEI LAGER NAZISTI E DESTINATI AL LAVORO COATTO PER L’ECONOMIA DI GUERRA  ED AI FAMILIARI DEI DECEDUTI  
30 maggio 2014
Elenco insigniti
 
  1. Sig. Serafino PASQUALE,  nato a Volturara Irpina il 04.03.1921 ed ivi residente alla Via Benevento I° n. 8,  internato a HOHNSTEIN - Stammlager IV da 08.09.1943 al 08.05.1945
  2. Sig. Sabato DELLA PIA, nato a Mercogliano  il 23.12.1923 (deceduto), internato nel Campo IV C dal 09.09.1943 al 08.05.1945
Ritira la figlia Anna  
  1. Sig. Francesco LA SALA,   nato a S. Andrea di Conza l’11.12.1921 ( deceduto ), internato dal 09.09.1943 al 06.01.1944
Ritira la nuora Giovanna
  1. Sig. Nicola MASTRODOMENICO , nato a S. Andrea di Conza   il 09.10.1919 ( deceduto ), internato a DORTMUND  dal 09.09.1943 al 05.09.1944
Ritira il nipote Antonio 
  1. Sig. Vincenzo MASTRODOMENICO , nato a S. Andrea di Conza   il 29.07.1921 ( deceduto ), internato dal 09.09.1943 al 28.02..944
Ritira il nipote Antonio
  1. Sig. Antonio SALDUTTI, nato a Castelfranci il 29.05.1923 (deceduto) , internato in Austria – Campo di lavoro n. 18 dal 08.09.1943 al 08.05.1945
Ritira il figlio Giuseppe
  1. Sig. Luigi TOBIA, nato a S. Andrea di Conza il 12.06.1922 (deceduto), internato dal 08.09.1943 all’11.02.1944
Ritira la nipote Maria Gerarda  
CONSEGNA DIPLOMI ONORIFICENZE
dell’Ordine “al Merito della Repubblica Italiana”
Elenco insigniti
Grande Ufficiale
COMUNE DI ATRIPALDA
• Gr. Uff. Dott. Sergio BROGNA
Commendatore
COMUNE DI PAROLISE
• Comm. Dott. Antonio ACERRA
Ufficiale
COMUNE DI MORRA DE SANCTIS
• Uff. Francesco MUSUMECI
Cavaliere
COMUNE DI AVELLINO
• Cav. Claudio IANNELLA
• Cav. Domenico MASILOTTI
• Cav. Antonio SANTULLI
COMUNE DI ATRIPALDA
• Cav. Domenico CAPONE
COMUNE DI AVELLA
• Cav. Mario Michele CONTE
COMUNE DI CESINALI
• Cav. Dott. Graziuccio ROTELLA
COMUNE DI FLUMERI
• Cav. Luciano MORANTE
COMUNE DI LACEDONIA
• Cav. Maria CAGGIANO
COMUNE DI MERCOGLIANO
• Cav. Giuliano GUARINIERI
• Cav. Angelo PERRONE
COMUNE DI MONTEFORTE IRPINO
• Cav. Nicola ARGENZIANO
• Cav. Carmine LIMPIDO
• Cav. Prof. Carmine SANTANIELLO.
COMUNE DI MONTORO
• Cav. Dott. Angelo PAOLANTONIO
COMUNE DI OSPEDALETTO D’ALPINOLO
• Cav. Aldo BAVARO
COMUNE DI SAN MARTINO VALLE CAUDINA
• Cav. Valerio CLEMENTE
COMUNE DI SAN MICHELE DI SERINO
• Cav. Guido RAPOLLA
COMUNE DI SANT’ANGELO DEI LOMBARDI
• Cav. Antonio BRACCIA
COMUNE DI SIRIGNANO
• Cav. Antonio MONTUORI
 
 Avellino 29 maggio 2014 
Ufficio Onorificenze
 
 
 
Pubblicato il 29/05/2014
Ultima modifica il 29/05/2014 alle 18:12:25

 COME SI VOTA - ELEZIONI EUROPEE ED AMMINISTRATIVE 2014

 
         Con l’approssimarsi delle elezioni europee e, nei cinquantuno Comuni di questa provincia interessati, comunali di domenica 25 maggio 2014, si ritiene utile fornire sinteticamente alcune notizie tecniche in ordine alle modalità di voto ed agli orari della votazione, delle quali si prega di dare ampia e ripetuta forma di pubblicità:
 
COME SI VOTA
 
ELEZIONI EUROPEE
(SCHEDA ARANCIONE).
    
Il voto di lista si esprime tracciando sulla scheda, con la matita copiativa, un segno sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta.
Ciascun elettore può anche esprimere voti di preferenza.

Il voto di preferenza deve essere espresso esclusivamente per candidati compresi nella lista votata .
È possibile esprimere fino a un massimo di tre voti di preferenza per candidati di una lista.
Nel caso di tre preferenze espresse , queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della terza preferenza.
I voti si esprimono scrivendo, nelle apposite righe tracciate a fianco del contrassegno della lista votata, il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti compresi nella lista medesima; in caso di identità di cognome fra più candidati, si deve scrivere sempre il nome e il cognome e, se occorre, la data e il luogo di nascita.
 
 
 
ELEZIONI NEI COMUNI CON POPOLAZIONE SINO A 15.000 ABITANTI              (SCHEDA AZZURRA).
L’elettore, con la matita copiativa, potrà esprimere il proprio voto:

-    tracciando un solo segno di voto sul contrassegno di lista; in questo caso esprime un voto valido sia per la lista votata, sia per il candidato alla carica di sindaco ad essa collegato;

-    tracciando un segno di voto sia sul contrassegno di lista, sia sul nominativo del candidato alla carica di sindaco collegato alla lista votata; anche in questo caso esprime un voto valido sia per il candidato alla carica di sindaco, sia per la lista ad esso collegata;
-    tracciando un segno di voto solo sul nominativo di un candidato alla carica di sindaco; anche in questo caso il voto è valido sia per il candidato alla carica di sindaco, sia per la lista ad esso collegata;
-    manifestando il voto di preferenza per candidati alla carica di consigliere comunale; l’elettore infatti può scrivere il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita) nelle righe stampate sotto il contrassegno della lista di appartenenza dei candidati votati, anche senza segnare il contrassegno della lista stessa; in tal caso il voto è valido sia per i candidati consiglieri votati, sia per la lista cui appartengono i candidati votati, e sia per il candidato alla carica di sindaco ad essa collegato.
     E’ importante evidenziare che:
-    le preferenze devono essere manifestate, esclusivamente, per candidati compresi nella lista votata ;
-    nei comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti ogni elettore può manifestare un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale;
-    nei comuni con popolazione compresa tra 5.000 e 15.000 abitanti (nella prossima tornata elettorale nei Comuni di Forino, Grottaminarda, Mercogliano, Mirabella Eclano, Montella e Montemiletto )  ogni elettore può manifestare non più di due voti di preferenza per candidati alla carica di consigliere comunale; nel caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, a pena di annullamento della seconda preferenza .
Nei comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti si procede al turno di ballottaggio per l’elezione del sindaco in caso di parità di voti fra i due candidati alla carica di sindaco che hanno ottenuto il maggior numero di voti.
Per il ballottaggio il voto si esprime tracciando, con la matita copiativa, un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato prescelto.
 
ELEZIONI NEI COMUNI CON POPOLAZIONE SUPERIORE A 15.000 AB.  ( ARIANO IRPINO E MONTORO )
(SCHEDA AZZURRA).
La scheda reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, scritti entro un apposito rettangolo, sotto il quale sono riportati i contrassegni della lista o delle liste con cui il candidato è collegato.
L’elettore, con la matita copiativa, potrà esprimere il proprio voto:

•    per una delle liste tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso è valido sia per la lista votata sia per il candidato alla carica di sindaco ad essa collegato;
•    per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul rettangolo recante il relativo nominativo, e sul contrassegno della lista o di una delle liste collegate al candidato sindaco stesso; anche in questo caso esprime un voto valido sia per il  candidato alla carica di sindaco sia per la lista collegata;
•    per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul rettangolo recante il relativo nominativo, e per una lista non collegata tracciando un altro segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso è attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista non collegata (cd.“voto disgiunto”);
•    per un candidato a sindaco tracciando un segno sul rettangolo recante il relativo nominativo, non segnando alcun contrassegno di lista; il voto così espresso è attribuito solo al candidato alla carica di sindaco;
•    solo per candidati alla carica di consigliere comunale, scrivendone il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita) nelle righe stampate a fianco del contrassegno della lista di appartenenza dei candidati votati, anche senza segnare il contrassegno della lista stessa; in tal caso il voto è valido sia per i candidati consiglieri votati, sia per la lista cui essi appartengono, sia infine per il candidato alla carica di sindaco ad essa collegato, salvo che l’elettore non si sia avvalso della facoltà di esprimere un voto disgiunto.
     E’ importante evidenziare che:
-    le preferenze devono essere manifestate, esclusivamente, per candidati compresi nella lista votata ;
-    ogni elettore può manifestare non più di due voti di preferenza per candidati alla carica di consigliere comunale; nel caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, a pena di annullamento della seconda preferenza .
Nei comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti si procede al turno di ballottaggio per l’elezione del sindaco qualora nessun candidato alla stessa carica abbia conseguito la maggioranza dei voti validi.
Per il ballottaggio il voto si esprime tracciando, con la matita copiativa, un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato prescelto.
ORARI DI VOTAZIONE
-          DOMENICA 25 MAGGIO 2014: dalle ore 7 alle ore 23.
- Le operazioni di scrutinio delle elezioni europee (scheda arancione) avranno inizio alle ore 23 di domenica 25 maggio 2014 subito dopo la chiusura della votazione e l’effettuazione delle operazioni di riscontro dopo la votazione, e dovranno essere svolte e portate a compimento senza interruzione
 
- Le operazioni di scrutinio delle elezioni comunali (scheda azzurra) avranno inizio alle ore 14 di lunedì 26 maggio 2014 subito dopo la ricostituzione del seggio, e dovranno essere svolte e portate a compimento senza interruzione
 
Avellino, 24 maggio 2014                             L’ADDETTO STAMPA
Pubblicato il 24/05/2014
Ultima modifica il 24/05/2014 alle 15:58:56

 “Vertenza lavoratori FIM-Sud: Trovato accordo in Prefettura”

 
Al termine dell’ incontro convocato  dal Prefetto Carlo Sessa per trovare una soluzione alle problematiche occupazionali dei lavoratori della FIM-Sud , azienda di eccellenza nel settore metalmeccanico, in sciopero da diversi giorni , è stato trovato un accordo che ha consentito la revoca dello stato di agitazione e la cessazione del presidio dinanzi allo stabilimento  .

La complessa mediazione, conclusasi con esito positivo dopo la valutazione  delle proposte aziendali da parte delle Organizzazioni Sindacali e con il supporto dei referenti  di Confindustria, ha reso possibile  l’immediata ripresa dell’ attività lavorativa superando, così, il rischio concreto, paventato dai responsabili dell’ azienda, di compromettere  la stessa sopravvivenza della struttura produttiva . 

L’ intesa è stata trovata sul piano di rilancio proposto dalla FIM-Sud  che prevede la costituzione di una nuova società attraverso lo strumento del fitto di ramo d’ azienda e che consentirà di riassorbire gran parte dei lavoratori dell’ attuale società con una clausola di salvaguardia e di garanzia per il futuro lavorativo dei  restanti dipendenti.

Assicurazioni sono state date ai lavoratori anche sui  pagamenti delle mensilità arretrate che avverranno secondo un programma definito con date certe e prestabilite.

 

 

Avellino, 12 maggio 2014
Pubblicato il 14/05/2014
Ultima modifica il 14/05/2014 alle 11:12:27

 
Torna su