Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Avellino

Comunicati Stampa

 

 IMPORTANTE RISULTATO CONSEGUITO OGGI IN PREFETTURA GRAZIE ALL’ IMPEGNO ASSUNTO DA POSTE ITALIANE S.P.A. DI ATTIVARE A TITOLO GRATUITO IL SERVIZIO “CHIAMAMI”.

 
Si è riunito oggi in Prefettura, su richiesta dei referenti del “Tribunale dei diritti del cittadino”, dell’AUSER Onlus “Associazione per l’ autogestione dei servizi e la solidarietà”, del “Sindacato Pensionati Italiani CGIL” ,dell’ Ufficio del “Garante per le Diverse Abilità” e alla presenza dell’Assessore alla Riqualificazione Urbana del Comune di Avellino, un tavolo di confronto con i responsabili delle Poste Italiane S.p.a., per discutere della problematica, particolarmente sentita dalla cittadinanza, derivante dalla delocalizzazione del servizio di ritiro della corrispondenza presso il centro di Via Pianodardine .

Nel corso dell’ incontro sono stati  rappresentati i notevoli disagi che derivano ai cittadini, in particolare ad anziani e disabili, costretti a recarsi presso una sede distante dal centro della città e scarsamente accessibile agli utenti  .

Il Dirigente del Servizio Recapito Territoriale Area Sud  delle Poste Italiane , dopo aver ascoltato con attenzione le motivazioni della protesta , ha  assunto l’ impegno di venire incontro alle istanze rappresentate, offrendo ai cittadini  la possibilità  di richiedere gratuitamente  il servizio di consegna al proprio domicilio delle raccomandate e delle assicurate che non siano state ricevute  per assenza del destinatario.

Il servizio c.d. CHIAMAMI sarà erogato   a titolo gratuito dal 1° dicembre 2014 fino a fine febbraio 2015 , chiamando il numero verde 803160 come indicato sull’ avviso di giacenza o indicato sul sito www.poste.it.

Ulteriore disponibilità per migliorare il servizio e renderlo sempre più accessibile agli utenti è stata espressa dai responsabili di Poste Italiane s.p.a., anche in vista della partecipazione ad  un eventuale nuovo tavolo di confronto  e di analisi  delle esigenze espresse dalla cittadinanza. 

 

 

Avellino,26 novembre 2014

 

 

                                                                                                           Addetto Ufficio Stampa
Pubblicato il 26/11/2014
Ultima modifica il 27/11/2014 alle 10:15:42

 Incontro in Prefettura sulla tematica dell’accoglienza dei cittadini stranieri ospitati in provincia.

 
Stamane, presieduto dal Prefetto di Avellino Sessa, si è tenuto in Prefettura un  nuovo incontro di aggiornamento sulla tematica dell’accoglienza dei cittadini stranieri ospitati  in provincia finalizzato ad esaminare nello specifico le problematiche dei Comuni di Forino Manocalzati e Montoro.

L’iniziativa  chiude il ciclo di appuntamenti  avviati il 17 settembre u.s. e tenuti periodicamente  in Prefettura con ciascuno dei 10 comuni ove ricadono  le strutture di accoglienza alla presenza del Comandante Provinciale C.C.  della  Questura dell’ A.S.L. ed allargato ai rappresentanti  del Centro per l’Impiego, Ufficio territoriale del lavoro, associazioni sindacali, Caritas ,CRI CSV e gestori delle strutture.

Nel corso dei cinque incontri finora tenuti, sono stati affrontati i temi complessi dell’accoglienza, dell’integrazione e dell’emergenza sanitaria mettendo a punto accorgimenti migliorativi ed iniziative mirate che hanno fatto registrare il progressivo superamento di alcune  problematiche verificatesi specie nei mesi estivi. In particolare sono state rimodulate  le condizioni interne di capienza di alcune  strutture ( Montoro e Monteforte Irpino) ed è stato perfezionato il sistema per  l’assistenza sanitaria con la consegna della tessera sanitaria ed intensificata l’attività di screening svolta dall’ASL.  La  Prefettura complessivamente dall’inizio dell’anno ha infatti gestito un flusso migratorio  di 939 migranti di cui 465 andati via volontariamente e 474 ancora  presenti  nelle  18 strutture della provincia. Si tratta di migranti provenienti  dai Paesi del Nord e del Centro Africa di varie  nazionalità ( Gambia, Nigeria Pakistan, Bangladesh…. ) in attesa del  riconoscimento dello status di rifugiato  da parte della Commissione . Per il momento solo  una quarantina  i casi di riconoscimento .

Dagli incontri tenuti  è anche emersa la necessità di fare rete per costruire un sistema di iniziative volte a favorire l’inserimento culturale e sociale degli ospiti attraverso il coinvolgimento del Volontariato . Dai tavoli operativi è infatti scaturita l’elaborazione di una proposta di accordo di programma  che, in sintesi, intende costruire un percorso condiviso  per realizzare “progetti di impiego dei profughi in attività di volontariato utili per l’integrazione” .  I progetti  intendono promuovere azioni volte all'accoglienza e all'inclusione dei cittadini extracomunitari, occupando gli stessi in interventi di volontariato attivo che vanno dal sostegno psicologico/ sanitario/ raccolta di farmaci ad attività di integrazione volta a percorsi d’inserimento lavorativo/formativo e di utilità sociale a favore della comunità locale.. Il progetto con la messa in rete delle competenze di ciascun partner  tende altresì a prevenire l’insorgere di fenomeni di  isolamento ed a contrastare episodi di intolleranza. Il suddetto protocollo condiviso al tavolo odierno verrà  esteso all’ approvazione anche  degli altri comuni che aderiranno al progetto.

Lì, 13 novembre 2013                                                L’Addetto stampa
Pubblicato il 13/11/2014
Ultima modifica il 13/11/2014 alle 16:58:31

 Consegna diplomi di onorificenza dell' “Ordine al Merito della Repubblica Italiana" - Elenco Insigniti

 
Il prossimo 4 novembre, alle ore 11.30, in Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo, si procederà alla consegna di 20 diplomi di onorificenza dell' "Ordine al Merito della Repubblica Italiana" che il Presidente della Repubblica ha conferito a cittadini di questa Provincia che si sono particolarmente distinti, nonché alla consegna dell’emblema di uno stemma e di un gonfalone che con D.P.R. del 5 agosto 2013 è stato concesso al Comune di Santa Paolina .

Avellino, 3 Novembre 2014                           L'ADDETTO STAMPA
 
Pubblicato il 03/11/2014
Ultima modifica il 04/11/2014 alle 08:30:44

 
Torna su