Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Asti

NOTIZIE

 

 Cerimonia dell'Anniversario della fondazione della Repubblica

Venerdì 2 giugno prossimo, in occasione della Cerimonia di celebrazione del 71° Anniversario della fondazione della Repubblica, il Prefetto di Asti, Paolo Formicola, procederà alla consegna a cinque Cittadini benemeriti di questa provincia delle Onorificenze dell'Ordine "al Merito della Repubblica Italiana", conferite dal Signor Presidente della Repubblica, e, ai familiari di due astigiani non più in vita, delle Medaglie d'onore concesse dal Capo dello Stato a deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto.

La cerimonia, che, come di consueto, si terrà in piazza San Secondo ad Asti, si svolgerà con il seguente programma:

Ore 10.30        Alzabandiera alla presenza dei picchetti delle Forze Armate e di Polizia e delle rappresentanze della Croce Rossa Italiana e delle Associazioni Combattentistiche, d'Arma, di Protezione Civile e del Volontariato.

A seguire, consegna delle Onorificenze e delle Medaglie.

Saranno presenti: la Banda Città di Asti "G. Cotti", la Fanfara Bersaglieri "Roberto Lavezzeri", i maratoneti "Ambasciatori per lo Sport della Città di Asti", il "Piccolo Coro I.C. 1" e la Compagnia "Teatro degli Acerbi".

Ore 16.00        Tradizionale concerto della Banda Città di Asti "G. Cotti", diretto dal Maestro Sandro Satanassi;

Ore 17.45       Ammainabandiera.

 

25 maggio 2017                                
Pubblicato il :

 Riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica

In data odierna si è tenuta in Prefettura una seduta del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto Paolo Formicola e appositamente convocata al fine di mettere a punto la risposta da dare a una serie di furti che hanno recentemente interessato l'area della Val Bormida.
Alla riunione hanno preso parte, oltre ai rappresentanti delle forze di polizia e al Presidente della Provincia Marco Gabusi, il Presidente dell'Unione montana Langa astigiana Val Bormida, nonché Sindaco di Mombaldone, unitamente ai Sindaci dei Comuni di Cessole, Loazzolo, Monastero Bormida, Serole e Vesime. Il Sindaco di Bubbio ha comunicato preventivamente la sua impossibilità a presenziare, chiedendo di essere comunque informato delle determinazioni assunte.
Il fenomeno in questione - furti in abitazione, in esercizi commerciali e di veicoli, commessi senza il ricorso ad alcun atto di violenza nei confronti delle vittime e con refurtive, perlopiù, di non ingente valore - ha riguardato, in particolare, i territori di Monastero Bormida, Bubbio, Cessole e Loazzolo.
Durante l'incontro, è stata condivisa l'analisi secondo la quale la recrudescenza di reati predatori nell'area si presenta come una situazione contingente e, dai primi elementi informativi, ascrivibile, verosimilmente, all'azione di un medesimo sodalizio criminale. In relazione ai singoli episodi delittuosi sono tuttora in corso le indagini di polizia giudiziaria a cura dell'Arma dei Carabinieri.
È stato evidenziato che, al di là dei furti degli ultimi giorni, i territori interessati hanno segnato, nei primi mesi dell'anno, un'incidenza di reati di natura predatoria quantitativamente e qualitativamente circoscritta, in linea con i dati statistici storicamente registrati nella zona, ma che si presentano, per talune modalità di svolgimento, come un fattore di crescente percezione di insicurezza.
I vertici provinciali del sistema di sicurezza pubblica hanno, pertanto, informato di aver immediatamente disposto l'intensificazione delle attività di controllo del territorio nell'area interessata, mediante l'adozione di un dispositivo straordinario assicurato da un maggior numero di pattuglie dell'Arma dei Carabinieri, anche prive dei colori di istituto, in particolare durante le ore notturne.
Contestualmente, è stato approfondito e condiviso il quadro degli interventi da concretizzare per incrementare i livelli di sicurezza urbana e rurale delineati dal recente decreto-legge n. 14 del 2017, integrando in modo sempre più efficace la quotidiana attività delle Forze dell'ordine con il ricorso ai contributi delle Polizie locali e delle associazioni di volontariato, nonché con l'installazione di impianti di videosorveglianza.
Con particolare riguardo ai sistemi di videosorveglianza di competenza comunale, è stata valutata positivamente l'esigenza di verificare la fattibilità di mettere a punto, con il supporto tecnico dell'Arma dei Carabinieri, una progettualità che possa coinvolgere, unitariamente, i comuni dell'Unione montana Langa astigiana Val Bormida, per realizzare le necessarie economie di scala e per avvalersi, eventualmente, dei contributi finanziari previsti dal citato decreto-legge.
In un'ottica di deterrenza, di prevenzione e di contrasto alla criminalità diffusa e predatoria, la seduta del Comitato è stata dunque l'occasione per concordare con gli Amministratori intervenuti un insieme di iniziative, di parte sia statale che locale, che assicuri, nell'immediato e nel medio-lungo periodo, una risposta articolata su più fattori, ai quali aggiungere un'opera di sensibilizzazione dei cittadini affinché ricorrano ad iniziative di autotutela quali sistemi antintrusione e, più in generale, a una maggiore attenzione alle modalità di custodia dei propri beni.
Nello stesso quadro operativo, è emersa, da parte delle Forze dell'ordine, la necessità di acquisire continue e tempestive segnalazioni di auto e persone sospette in transito sul territorio.
Partendo da tale esigenza, sempre più avvertita, è stata registrata la disponibilità degli Amministratori presenti alla sottoscrizione di un protocollo d'intesa per il controllo del vicinato che, secondo un modello incentrato sulla collaborazione tra i cittadini e le istituzioni preposte alla tutela dell'ordine e della sicurezza pubblica, punti ad incrementare i livelli di sicurezza dei territori, aumentando il controllo su tutti i comportamenti ritenuti sospetti, contribuendo in tal modo alle attività di prevenzione.

 

Asti, 24 maggio 2017
Pubblicato il :

 Parità di accesso ai mezzi di informazione durante la campagna elettorale delle elezioni comunali dell'11 giugno 2017

Per le prossimi elezioni comunali, per tutto l'arco della campagna elettorale, si applicano le disposizioni della legge n. 28/2000 in materia di parità di accesso ai mezzi d'informazione e di comunicazione politica.
Nella Gazzetta Ufficiale n. 99 del 29 aprile 2017 è stata pubblicata la per le garanzie nelle comunicazioni n. 169/17/Cons del 18 aprile 2017 recante "Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di delibera dell'Autorità parità di accesso ai mezzi d'informazione relative alle campagne per l'elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali, nonché dei consigli circoscrizionali, fissate per il giorno 11 giugno 2017".
Nella medesima Gazzetta è stato anche pubblicato il provvedimento di analogo oggetto approvato il 27 aprile dalla Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.

 

Asti, 4 maggio 2017

Pubblicato il :

 Sessione di esame per l'esercizio del mestiere di fochino in Valle d'Aosta

La Regione Autonoma Valle d'Aosta, con nota prot. 6406/Pref del 20 aprile 2017,   ha comunicato che è indetta una sessione di esami per l'accertamento della capacita tecnica per l'esercizio del mestiere di fochino, ai sensi dell'art. 27 del D.P.R. 19.3.1956, n. 302, il superamento della quale comporterà l'acquisizione del titolo per il brillamento mine a fuoco ed elettrico.

 

Gli aspiranti alia licenza, per essere ammessi aile prove di esame, dovranno far pervenire all'Ufficio Affari di Prefettura presso la Regione Autonoma Valle d'Aosta - Piazza della Repubblica 15 - 11100 AOSTA- domanda, redatta in carta legale (marca da bollo da euro 16,00), nella quale risultino specificati cognome, nome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, eventuale diverso recapito, numero di telefono.

 

I candidati dovranno autocertificare, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000, il possesso del diploma di licenza della scuola dell'obbligo, la cittadinanza italiana, la posizione riguardo agli obblighi militari, di non aver riportato condanne e di non avere in corso procedimento penali.

 

Presso     il    suddetto      Ufficio    (mail:    prefettura(at)regione.vda.it       -    Sig.     Corrado Marguerettaz tel. 0165/274967) è disponibile il fac-simile della domanda di partecipazione   all'esame e la documentazione correlata, consultabile anche sui

sito web della Regione ( www.regione.vda.it/ servizi di prefettura/ come fare per: procedimenti di natura prefettizia/procedimenti elenco alfabetico/licenza per l'esercizio del mestiere di fochino).

 

Le prove di esame avranno luogo presso il Salone delle Manifestazioni del Palazzo regionale - Piazza Deffeyes 1 - Aosta - nelle seguenti date:

  • Martedi 27 giugno 2017, ore 9.15 - prova scritta;
  • Mercoledi 28 giugno 2017- prova teorico-pratica, sulla base degli orari che saranno comunicati nel pomeriggio del giorno 27, mediante affissione presso lo stesso salone, ove saranno pubblicati anche i risultati delle prove scritte.
  • In base al numero degli ammessi la prova teorico-pratica potrà proseguire anche nella giornata del 29 giugno 2017.
 

 

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito ed ai riferimenti di cui sopra.

Pubblicato il :

 
Torna su