Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Asti

NOTIZIE

 

 Operazione antidroga nella provincia di Asti

L'esecuzione, nelle prime ore della giornata di ieri, di numerose ordinanze di custodia cautelare in carcere e presso il domicilio e di due misure cautelari personali, a carico di sedici persone ritenute responsabili della detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, rappresenta il risultato di una complessa e prolungata attività investigativa condotta con grande professionalità e penetrante capacità di intervento dal personale della Squadra Mobile della Questura, come sempre egregiamente coordinato dalla Procura della Repubblica di Asti.

Un sincero e partecipe apprezzamento va ai Magistrati impegnati nell'indagine, al Questore di Asti Filippo Di Francesco, al Dirigente della Squadra mobile Loris Petrillo e a tutte le donne e gli uomini della Polizia di Stato che, con tenacia,  dedizione e professionalità, hanno lavorato all'operazione "White Wheels".

Risultati come quelli conseguiti ieri, scaturiti dalla costante attività sul piano giudiziario rivolta al contrasto ai fenomeni illeciti sul territorio, costituiscono, senza dubbio, una ulteriore risposta alle esigenze di sempre maggiore sicurezza che la cittadinanza astigiana rappresenta con forza e confermano i rapporti di costante e proficua collaborazione tra Magistratura e Forze dell'ordine, quest'ultime sempre impegnate nei servizi ordinari e interforze, cui partecipa anche la Polizia municipale, e nei compiti di prevenzione generale, controllo del territorio e contrasto a ogni forma di criminalità, a tutela del pubblico interesse.

 

Asti, 28 febbraio 2018

Pubblicato il :

 Vademecum per elezioni politiche del 4 marzo 2018

 
Domenica 4 marzo prossimo, in occasione delle prossime elezioni politiche, gli elettori della provincia di Asti saranno chiamati ad eleggere:
  • 1 senatore per il collegio uninominale Piemonte - 07 (nel quale rientrano anche i comuni della provincia di Alessandria);
  • 7 senatori per il collegio plurinominale Piemonte-02 (nel quale rientrano tutti i comuni del Piemonte tranne quelli della provincia di Torino);
  • 1 deputato per il collegio uninominale Piemonte 2-06 (nel quale rientrano anche 25 comuni della provincia di Alessandria);
  • 8 deputati per il collegio plurinominale Piemonte 2-01 (nel quale rientrano anche i comuni della provincia di Alessandria e di Cuneo).
 
La campagna elettorale si concluderà alle ore 24 del 2 marzo.
 
 
CORPO ELETTORALE
 
Tutti gli elettori hanno diritto di votare per la Camera dei Deputati, mentre coloro che hanno compiuto i 25 anni di età potranno votare anche per il Senato.
Gli elettori per la Camera sono 164.101 (n. 79.496 maschi e n. 84.605 femmine), di cui 57.133 nel capoluogo (n. 26.878 maschi e n. 30.255 femmine).
Gli elettori per il Senato sono 152.773 (n. 73.544   maschi e n. 79.229 femmine), di cui n. 53.027   nel capoluogo (n. 24.754 maschi e n. 28.273 femmine).
Gli elettori residenti all'estero, che votano per corrispondenza, sono in totale 11.805 (n. 5.931 maschi e n. 5.874 femmine).
Avranno diritto al voto per la prima volta complessivamente n. 1.228 diciottenni (n.  627 maschi e n. 601 femmine).
 
 
SEZIONI ELETTORALI

Sono 266, di cui 78 nel capoluogo, i seggi interessati alle consultazioni.
Ogni seggio è composto da un presidente nominato dalla Corte d' Appello, da un segretario scelto dallo stesso presidente, e da 4 scrutatori nominati dalle commissioni elettorali comunali nell'ambito degli iscritti nell'apposito albo, per un totale complessivo di 1.596 addetti alle operazioni di votazione e di scrutinio.
La vigilanza ai seggi sarà garantita dalle Forze di Polizia, in concorso con la polizia provinciale e le polizie municipali.
I seggi si costituiranno alle ore 16 di sabato 3 marzo.
Le designazioni dei rappresentanti di lista debbono essere presentate alle segreterie comunali entro venerdì 2 marzo oppure direttamente ai presidenti di seggio, prima dell'inizio delle operazioni di votazione.

 
TESSERE ELETTORALI

Per votare l'elettore deve esibire al presidente di seggio un documento di riconoscimento e la tessera elettorale già ricevuta in occasione di precedenti consultazioni.
Chi l'avesse smarrita può richiedere personalmente un duplicato all'ufficio elettorale del comune di residenza, che sarà aperto il 2 e 3 marzo dalle 9 alle 18, ed il 4 marzo per tutta la durata delle operazioni di votazione.
Nel caso di esaurimento degli spazi per la certificazione del voto, gli interessati possono chiedere al Comune di residenza il rinnovo della tessera, esibendo il documento non più utilizzabile.
 

AGEVOLAZIONI DI VIAGGIO

In vista delle prossime elezioni politiche, sono previste le seguenti agevolazioni di viaggio che saranno applicate dagli enti e società competenti, a favore degli elettori che si recheranno a votare presso il proprio comune di iscrizione elettorale.

1. Agevolazioni per i viaggi ferroviari
La Società Trenitalia S.p.A. ha stabilito alcune agevolazioni, applicabili ai viaggi degli elettori residenti in Italia ed ai viaggi degli elettori residenti all'estero, che prevedono la riduzione del prezzo del biglietto fino al 70%.
La società "Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A." (NTV) applicherà nelle regioni in cui effettua servizio commerciale, una riduzione a favore degli elettori pari al 60% del prezzo del biglietto.

2. Agevolazioni per i viaggi via mare
Le società di navigazione "Compagnia Italiana di Navigazione" applicherà, nell'ambito del territorio nazionale, le consuete agevolazioni a favore degli elettori residenti in Italia e di quelli provenienti dall'estero che dovranno raggiungere il comune nelle cui liste elettorali sono iscritti, per poter esercitare il diritto di voto. Per tali elettori verrà applicata la riduzione del 60% sulla "tariffa ordinaria".
 
3. Agevolazioni autostradali
Le Concessionarie autostradali hanno aderito alla richiesta di gratuità del pedaggio, sia all'andata che al ritorno, per i soli elettori residenti all'estero, su tutta la rete nazionale.
   
4. Altre agevolazioni di viaggio per alcune categorie di elettori residenti all'estero
Gli elettori residenti negli Stati con cui l'Italia non intrattiene relazioni diplomatiche, nonché negli Stati nei quali la situazione politica o sociale non garantisce neanche temporaneamente che l'esercizio del voto per corrispondenza si svolga in condizioni di eguaglianza, di libertà e di segretezza, ovvero che nessun pregiudizio possa derivare per il posto di lavoro e per i diritti individuali degli elettori e degli altri cittadini italiani in conseguenza della loro partecipazione a tutte le attività previste dalla legge n. 459/01, avranno diritto - presentando apposita istanza alla competente autorità consolare, corredata della tessera elettorale munita del timbro della sezione attestante l'avvenuta votazione nonché del biglietto di viaggio - ad ottenere il rimborso del 75% del costo del biglietto di viaggio stesso riferito alla seconda classe per il trasporto ferroviario (o marittimo) oppure riferito alla classe turistica per il trasporto aereo.

5. Agevolazioni aeree
La società Alitalia riconoscerà agli elettori un'agevolazione di viaggio, nella misura massima di 40 Euro per l'acquisto del biglietto aereo di andata e ritorno, per i viaggi aerei effettuati sul territorio nazionale dal 24 febbraio al 10 marzo 2018.


ORARI DI VOTO

Le operazioni di voto si svolgeranno dalle 7 alle 23 di domenica 4 marzo.
Si consiglia di recarsi alle urne sin dalle prime ore della mattina di domenica, per evitare l'affollamento delle sezioni e le conseguenti fastidiose code.
 
 
PARTICOLARI CASI DI VOTAZIONE

La normativa vigente consente all'elettore, nei seguenti casi, di esercitare il diritto di voto per le elezioni politiche non presso l'ufficio elettorale di sezione nelle cui liste è iscritto bensì presso un altro ufficio sezionale (normale o speciale o "volante") nell'ambito dello stesso comune di iscrizione elettorale o di altro comune, esibendo la propria tessera elettorale:
a) Componenti dei seggi, rappresentanti di lista, ufficiali e agenti della forza pubblica in servizio di ordine pubblico, che votano presso il seggio dove operano;
b) Candidati  alle  elezioni, che possono votare in una sezione elettorale qualsiasi ricompresa nel collegio in cui sono proposti;
c) Personale delle Forze Armate, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, che possono votare nel Comune dove prestano servizio;
d) Ricoverati in luoghi di cura: in questa elezione i componenti di 25 seggi della provincia saranno impegnati nella raccolta del voto di tali elettori ospitati presso ospedali, case di riposo e comunità di recupero; nei luoghi di cura con almeno duecento posti letto, sarà istituita la sezione ospedaliera;
e) Elettori affetti da infermità che ne rendano impossibile l'allontanamento dall'abitazione, che possono usufruire del voto domiciliare;
f)  Detenuti, che possono votare presso il luogo di detenzione che li ospita.
Gli elettori fisicamente impediti e i portatori di handicap impossibilitati ad esercitare autonomamente il diritto di voto possono avvalersi dell'assistenza in cabina di una persona liberamente scelta ed iscritta nelle liste elettorali, su esibizione della tessera elettorale con l'apposita annotazione AVD, che può essere richiesta al Comune di appartenenza su presentazione di idonea documentazione.
Nel caso in cui sulla tessera non vi sia tale annotazione e l'impedimento non sia evidente, occorre essere in possesso di apposito certificato medico rilasciato dall'A.S.L.  Per tale servizio l'A.S.L. AT ha messo a disposizione personale medico abilitato al rilascio di tali certificati per l'esercizio del voto assistito, presso la S.O.C. di Medicina legale in via Baracca n. 6 e presso le proprie sedi territoriali.
Gli elettori non deambulanti, previa esibizione di attestazione medica rilasciata dall'A.S.L. attestante l'impedimento oppure della copia autentica della patente di guida speciale, possono votare in una sezione del Comune di residenza diversa da quella in cui sono iscritti, allestita in un edificio privo di barriere architettoniche.
 
Per informazioni più dettagliate si consiglia di rivolgersi all'ufficio elettorale del Comune di residenza.
 
 
MODALITA' DI VOTO
 
Le schede di votazione sono di colore rosa per la Camera e giallo per il Senato.
Esse sono dotate di tagliando "antifrode", munito di codice alfanumerico, che sarà rimosso dal presidente di seggio prima dell'inserimento della scheda nell'urna.
Tutti gli elettori riceveranno la scheda per la Camera, mentre quella del Senato sarà consegnata solo a coloro che hanno compiuto i 25 anni di età.
Nelle schede di votazione, di cui si allegano i fac-simile, sono indicati il nome e cognome dei candidati al collegio uninominale, sotto il quale è riportato il contrassegno della lista o delle liste collegate con a fianco i nominativi dei relativi candidati. 
Per le elezioni politiche, il voto si può esprimere in uno dei seguenti modi:
a) tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno di una lista; in tal caso il voto viene assegnato sia alla lista prescelta che al candidato del collegio uninominale collegato ad essa;
b) tracciando un segno sul nominativo del candidato al collegio uninominale; in tal caso il voto viene assegnato sia al candidato prescelto che alla lista collegata; in caso di più liste collegate in coalizione, il voto sarà ripartito tra le stesse liste in proporzione ai voti da esse ottenute;
c) tracciando un segno sia sul nominativo del candidato uninominale sia sul contrassegno di una lista collegata; in tal caso il voto viene assegnato sia al candidato che alla lista prescelti.
In questa elezione non è ammesso il voto disgiunto, ossia non è possibile votare per un candidato uninominale e per una lista a lui non collegata.
Si ricorda agli elettori di non sovrapporre le schede che riceveranno dal presidente di seggio al momento dell'espressione del voto, per evitare che il segno tracciato su una scheda venga impresso anche sull'altra.
 
 
OPERAZIONI DI SCRUTINIO

Dalle ore 23 di domenica 4 marzo avranno inizio presso i seggi le operazioni di calcolo dei votanti per le diverse consultazioni. Successivamente verrà effettuato lo scrutinio, con inizio dalle schede del Senato.
 
 
RACCOLTA DATI
 
La Prefettura procederà alla raccolta ed elaborazione dei dati trasmessi dai Comuni, che  potranno essere consultati  sul sito della Prefettura www.prefettura.it/asti   sia nell'apposito link collegato al sito del Ministero dell'Interno, sia nella sezione  "Archivio  elezioni".
 
 
Palazzo del Governo, 22 febbraio 2018
Pubblicato il 22/02/2018
Ultima modifica il 27/02/2018 alle 13:29:33

 Riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica

In data odierna si è tenuta in Prefettura una riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica alla quale hanno partecipato, oltre al Vicequestore Vicario Boscassi e ai Comandanti provinciali dell'Arma dei Carabinieri, Vagnoni, e della Guardia di Finanza, Canziani, il Presidente della Provincia Gabusi, il Sindaco di Asti Rasero, con gli assessori Giaccone e Cotto, e il Comandante della Polizia municipale Saracco.
In apertura, con riferimento alle imminenti consultazioni elettorali, il Prefetto Formicola ha invitato i vertici delle Forze di Polizia ad una intensificazione dell'attività di prevenzione a carattere generale, anche attraverso una mirata azione di controllo del territorio, e all'adozione di idonee misure atte a garantire il pieno esercizio delle libertà costituzionali e l'ordinato svolgimento di manifestazioni pubbliche e comizi, affinché il confronto politico possa svolgersi in un clima di serena e civile dialettica democratica e nell'assoluto rispetto delle regole.
A tale riguardo, il Prefetto ha, altresì, messo al corrente i partecipanti alla riunione delle iniziative che la Prefettura sta ponendo in essere al fine di richiamare l'attenzione dei partiti e dei gruppi politici impegnati nella competizione elettorale alla scrupolosa osservanza della normativa disciplinante l'attività di propaganda.
L'incontro è proseguito con una riflessione congiunta sulla strategia per il controllo del territorio messa a punto nel corso del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica del 18 dicembre scorso, all'esito della quale si è convenuto di integrarla con un'ulteriore serie di servizi, anche interforze, mirati specificamente alla prevenzione e al contrasto del fenomeno dello spaccio di stupefacenti, analogamente a quanto già in atto con riferimento all'accattonaggio e alla prostituzione su strada.
Al riguardo, i componenti del Comitato hanno concordato di verificare i risultati complessivi, conseguiti al termine del trimestre di sperimentazione della strategia in atto, per poter valutare l'efficacia delle misure poste in essere e le eventuali, ulteriori iniziative del caso.
Sullo specifico fronte della sicurezza e del decoro urbani, il Sindaco di Asti ha sottoposto all'attenzione del Comitato una bozza di modifica del Regolamento comunale di Polizia urbana, che recepisce le previsioni del Decreto legge 14/2017, con particolare riferimento all'individuazione di aree cittadine - ulteriori rispetto a quelle già definite dalla legge - ove applicare il cosiddetto "daspo urbano" e ad altre misure di "nuova prevenzione" di competenza anche degli Enti locali, che possono incidere positivamente sui livelli di sicurezza urbana, sulla qualità della vita e sulla coesione sociale.
In chiusura di riunione, alla luce di recenti fatti di cronaca nazionale relativi ad aggressioni patite da personale dei servizi di trasporto pubblico locale e ferroviario, il Vicario del Dirigente del Compartimento Polizia ferroviaria Piemonte e Valle d'Aosta, dr.ssa Rissone, ha relazionato sulla realtà di Asti e delle linee ferroviarie che adducono alla città, sottolineando che, alla luce dei più recenti dati disponibili sugli episodi delittuosi occorsi in ambito ferroviario, la situazione in questa provincia non presenta particolari criticità ed evidenziando - oltre ai dispositivi in atto di prevenzione e controllo "a bordo treno" e in stazione e le modalità di monitoraggio e verifica degli stessi - taluni positivi interventi di riqualificazione del materiale rotabile e delle infrastrutture ferroviarie, già realizzati ovvero in via di implementazione da parte di Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana, nonché la stretta ed efficace collaborazione tra le predette società e la Polizia ferroviaria, concretizzatasi, di recente, nell'attivazione di un numero telefonico di emergenza, specificamente dedicato al personale di Trenitalia che opera sui convogli ferroviari.

 

Asti, 9 febbraio 2018
Pubblicato il :

 
Torna su