Logo


Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Comunicati Stampa

 

 23 giugno 2021 - Sottoscritto in Prefettura, il protocollo di legalità relativo alle attività di ricostruzione post-sisma 2016

 
Sottoscrizione protocollo legalità sisma 2016
 

Nella giornata di ieri, presso la Prefettura di Ascoli Piceno, si è tenuto un incontro nel corso del quale è stato sottoscritto il Protocollo di legalità relativo alle attività di ricostruzione post-sisma 2016.

 

Con la sottoscrizione del Protocollo si rafforzano ulteriormente i presidi di legalità nel processo di ricostruzione, al fine di garantire lavoro, salute, sviluppo del territorio e risorse pubbliche impiegate per la loro totalità nell'economia reale.

 

In particolare, il Protocollo sarà applicato a tutti i cantieri della ricostruzione pubblica e privata e punta a prevenire fenomeni come il lavoro nero o grigio, il dumping contrattuale, i fenomeni elusivi, la concorrenza sleale, l'evasione contributiva e i fenomeni infortunistici.

 

Il Protocollo è stato sottoscritto alla presenza del Prefetto di Ascoli Piceno, Carlo De Rogatis, del Commissario Straordinario Ricostruzione Sisma 2016, Giovanni Legnini, e del delegato del Direttore della Struttura di Missione Antimafia Sisma 2016 del Ministero dell'Interno, Paolo Giovanni Grieco.

 

Hanno, altresì, partecipato, in qualità di sottoscrittori, i referenti dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro, dell'Agenzia Regionale Sanitaria Prevenzione e Promozione della salute nei luoghi di vita e di lavoro, dell'ASUR - Area Vasta n. 5, del Dipartimento di Prevenzione - UOSD Sicurezza Cantieri Coordinamento Regionale, dell'I.N.P.S., dell'I.N.A.I.L., della Cassa Edile, dell'Ente Scuola Edile, delle Organizzazioni sindacali FENEAL UIL, FILCA CISL MARCHE E FILLEA CGIL, dell'Associazione Nazionale Costruttori Edili, della Confartigianato Imprese e della Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa.

 

Nel corso dell'incontro, è stata sottolineata l'importanza dello strumento, che, senza pregiudicare la celerità della ricostruzione, risponde all'esigenza di intercettare possibili infiltrazioni criminali e di assicurare la sicurezza di tutti i lavoratori impiegati nei cantieri.
Pubblicato il
:

 Concessione di contributi a valere sul Fondo U.N.R.R.A. per l'anno 2021. Seguito.

Si fa seguito alla comunicazione in data 15 giugno 2021, con la quale è stata data notizia della pubblicazione, sul sito web del Ministero dell'Interno ( www.interno.gov.it , sezione "Bandi di gara e contratti"), dell a Direttiva del Ministero dell'Interno in data 28 aprile 2021 e dell'Avviso pubblico del Capo del Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione n. 3752 del 27 maggio 2021 per la concessione di contribuiti a valere sul FONDO U.N.R.R.A. per l'anno 2021.

Al riguardo, si comunica che, a differenza degli anni precedenti, è richiesto un contributo di Euro 140,00 da versare entro e non oltre le ore 12 del 14 luglio 2021.

La comunicazione dell'avvenuto pagamento può avvenire tramite posta elettronica certificata al seguente indirizzo: dlci.fondounrra(at)pecdlci.interno.it  oppure può essere richiesto l'istituto "del soccorso istruttorio" da parte della stazione appaltante.

Si precisa che il mancato versamento del contributo secondo le regole Anac è causa di non ammissibilità della domanda di contributo e quindi di esclusione dalla gara.

Ai fini del pagamento si dovrà accedere al sito Anac e procedere, qualora lo stesso non fosse già stato effettuato, alla registrazione. Si dovrà accedere alla sezione Profili e costituire n. 2 profili: 1) Profilo Amministratore 2) Profilo contribuente, accedere dunque a gestione contributi gara riservata agli operatori economici.

Ulteriori informazioni potranno essere richieste al n. verde dell'Anac 800896936.

Si ricorda che le domande, a pena di irricevibilità, dovranno essere presentate attraverso il web utilizzando esclusivamente il portale https://fondounrra.dlci.interno.it a partire dalle ore 12 del giorno 15 giugno 2021 e dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12 del 14 luglio 2021.
Pubblicato il
:

 Concessione di contributi a valere sul Fondo U.N.R.R.A. per l'anno 2021.

Si comunica che sul sito web del Ministero dell'Interno ( www.interno.gov.it , sezione "Bandi di gara e contratti") sono stati pubblicati l a Direttiva del Ministero dell'Interno in data 28 aprile 2021 e l'Avviso pubblico del Capo del Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione n. 3752 del 27 maggio 2021 per la concessione di contribuiti a valere sul FONDO U.N.R.R.A. per l'anno 2021.

La citata Direttiva ha disposto che per l'anno in corso i proventi derivanti dalla gestione del patrimonio della Riserva ed ogni altra somma della Riserva stessa, per un importo complessivo pari a Euro 1.500.000, siano destinati a programmi socio-assistenziali, volti a fornire servizi di: " Progetti per la formazione e riqualificazione professionale effettuata da enti accreditati e che possano rilasciare apposito attestato di qualifica professionale valida su tutto il territorio nazionale, preferibilmente nel campo socio - sanitario, per persone in stato di bisogno ed in cerca di occupazione ".

La richiesta di contributo puo' essere presentata da enti pubblici e da organismi privati aventi personalità giuridica ovvero regolarmente costituiti ai sensi degli articoli 14 ss. del codice civile o con requisiti espressamente previsti dalle specifiche legislazioni del settore, che svolgono da almeno cinque anni attività rientranti nella specifica area di intervento.

Le domande a pena di irricevibilità dovranno essere presentate attraverso il web utilizzando esclusivamente il portale https://fondounrra.dlci.interno.it a partire dalle ore 12 del giorno 15 giugno 2021 e dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12 del 14 luglio 2021.
Pubblicato il
:

 Borse di studio anni 2020 e 2021 in favore degli orfani per crimini domestici e degli orfani di madre a seguito del delitto ex artt. 575 e 576, primo comma n.5.1 cp ovvero per omicidio.

Decreto 21 maggio 2020, n.71 "Regolamento recante l'erogazione delle misure di sostegno agli orfani di crimini domestici e di reati di genere e alle famiglie affidatarie".  

AVVISO del 19 maggio 2021

Borse di studio anni 2020 e 2021

in favore degli orfani per crimini domestici e degli orfani di madre a seguito del delitto ex artt. 575 e 576, primo comma n. 5.1 cp ovvero per omicidio a seguito dei delitti di cui agli articoli 609 bis e 609 octies c.p.
 
Il Commissario per le vittime dei reati di tipo mafioso e intenzionali violenti ha diramato il seguente avviso in attuazione della normativa sotto indicata:

  • Legge 27 dicembre 2017, n. 2015;
  • Legge 11 gennaio, 2018, n. 4, come modificata dalla Legge 19 luglio 2019, n.69;
  • Legge 30 dicembre 2018, n. 145;
  • Decreto 21 maggio 2020, n. 71;
  • Delibera del Comitato di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso e intenzionali violenti del 19/05/2021.
Dal 1° giugno 2021 al 28 febbraio 2022, è possibile presentare istanza alla Prefettura della provincia di residenza per ottenere l'erogazione della borsa di studio prevista dalla normativa sopra indicata per gli anni 2020 e 2021.

L'importo delle borse di studio è quantificato come segue:

anno 2020:
euro 1.040,00 per la scuola primaria, euro 1.560,00 per la scuola secondaria di primo grado, euro 3.120,00 per la scuola secondaria di secondo grado ed euro 4.680,00 per gli studi universitari.
anno 2021:
euro 520,00 per la scuola primaria, euro 780,00 per la scuola secondaria di primo grado, euro 1.560,00 per la scuola secondaria di secondo grado ed euro 2.340,00 per gli studi universitari.
In caso di risorse insufficienti sulla base delle domande pervenute, l'importo subirà una riduzione proporzionale al numero delle istanze.

L'istanza dovrà essere corredata da certificato di iscrizione a scuola per la scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado. Per gli studenti universitari, oltre al certificato di iscrizione occorre anche la produzione di una attestazione inerente il superamento di almeno un terzo degli esami prescritti annualmente dal corso di studio universitario con esito positivo.

In entrambi i casi è resa dichiarazione ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.

All'istanza occorre allegare la documentazione relativa ai procedimenti penali in corso o definiti in relazione al delitto (sentenze, decreti) e la dichiarazione resa ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 che il richiedente è orfano per crimini domestici ai sensi dell'art. 2 del decreto 21 maggio 2020, n.71. Per gli istanti maggiorenni, inoltre, occorre allegare la documentazione attestante la non autosufficienza economica.
Pubblicato il
:

 2 giugno 2021 - Festa della Repubblica - Cerimonia di consegna delle Medaglie d'Onore

 
Il prossimo 2 giugno avranno luogo anche in questa Provincia le celebrazioni del 75° Anniversario della fondazione della Repubblica.

Alla cerimonia, che si svolgerà nel rigoroso rispetto della normativa emergenziale per il contenimento del contagio da Covid-19, prenderà parte una contenuta rappresentanza di Autorità.

Le citate celebrazioni avranno inizio alle ore 9.30, presso   il   Monumento   ai   Caduti sito in Piazza Roma, con la cerimonia solenne dell'Alzabandiera, accompagnata dall'esecuzione dell'Inno Nazionale cantato dalla cantante lirica Signora Ilaria Roscioli. Seguiranno la deposizione di una corona di alloro e la lettura del messaggio del Signor Presidente della Repubblica.

A seguire, presso il Salone "De Carolis" della Prefettura, il Sig. Prefetto di Ascoli Piceno, dott. Carlo De Rogatis, procederà, alla presenza dei Sindaci ove risiedono gli insigniti, alla consegna delle Medaglie d'Onore, conferite con decreto del Presidente della Repubblica, per commemorare cittadini italiani, militari e civili, deportati e internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra.

Quattro sono i cittadini residenti in questa provincia insigniti di tale importante riconoscimento. In particolare, una Medaglia verrà consegnata a un valoroso cittadino ancora vivente, mentre le altre tre saranno consegnate ai familiari, perché alla memoria.

Si indicano di seguito i nominativi degli insigniti:

 
Sig. Alfredo
 
 
PULCINI
 
vivente  (classe 1919)                                 
 
 
 
Sig. Giovanni                              
(ritirerà il figlio Signor Aniello)
 
BUONINCONTRO
 
 
deceduto

 
 
 
 
Sig. Alberto
(ritirerà il figlio Signor Decio)

MARINELLI                                 
deceduto
 
 
Sig. Angelo                                                                                       
(ritirerà la nipote, Signora Leonilde)                    
VOLTATTORNI
deceduto
 
Pubblicato il
:

 
Torna su