Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo di Ancona

Rifugiati politici

Riconoscimento dello status di "rifugiato"

Il riconoscimento può essere richiesto solo da coloro che, nel Paese di provenienza, hanno subito persecuzioni dirette e personali per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le proprie opinioni politiche ovvero hanno fondato e ragionevole timore di subire tali persecuzioni nel caso in cui vi facciano ritorno.


La richiesta di asilo deve essere inoltrata presso l'Ufficio Immigrazione della Questura competente per territorio.

Il richiedente asilo che risulta privo di mezzi sufficienti a garantire una qualità di vita adeguata per la salute e per il sostentamento proprio e dei propri familiari ha accesso alle misure di accoglienza attivate dalla Prefettura - UTG.

L'accesso alle misure di accoglienza è disposto dal momento della presentazione della domanda di asilo.

Le misure di accoglienza hanno termine dal momento della comunicazione della decisione sulla domanda di asilo da parte della Commissione Territoriale per i rifugiati competente per territorio.

 

Normativa di riferimento

  • decreto legge 28 novembre 2005, n. 140
  • decreto Ministero Interno n. 237 del 24.07.1990;
  • decreto Ministero Interno n. 284 del 24.06.1998;
  • decreto legge n. 416 del 30.12.89, convertito con modificazioni dalla legge n.39 del 28.2.1990;
  • legge 30 luglio 2002, n. 189 (art. 31-32) recante modifiche alla normativa in materia di immigrazione e di asilo;
  • D.P.R. 16 settembre 2004, n. 303 recante regolamento relativo alle procedure per il riconoscimento dello status di rifugiato.

Data pubblicazione il 26/09/2006
Ultima modifica il 12/12/2008 alle 11:19

 
Torna su